Se il G8 va a L’Aquila

di Angela Gennaro 1

G8 a L’Aquila. Si risparmiano 220 milioni di euro (anche per far dimenticare il referendum, in fondo), e si fa giacché anche una gran bella figura. Londra, Washington, Berlino e la Ue tutta hanno detto sì. Un’idea che piace insomma.

E’ un gesto simbolico forte. Facciamo affidamento sui partner italiani perché creino le condizioni logistiche per un vertice di successo

Parola dell’Unione Europea. Silvio, insomma, ci ha azzeccato anche questa volta. C’è qualcuno, però, che non è del tutto convinto della bontà dell’intenzione della sortita in oggetto. Qualcuno sospetta. Si tratta di quel che resta dell’opposizione.

Ed ecco Bersani che si chiede: sarà mica una scelta di propaganda? L’opposizione, in fondo, è convinta del fatto che, di per sè, l’idea del trasferimento di location non sia poi così male. Contribuirà a tenere accesa l’attenzione sull’Abruzzo, dice Dario Franceschini. Ma… un’iniziativa seria o solo propaganda? rilancia Pier Luigi Bersani, responsabile economico del Pd. Dopotutto, in Sardegna sono già state impegnate delle risorse.

Non so se porterà più benefici o problemi vista la complessità degli spostamenti, il tipo di ospiti e la presenza delle forze dell’ordine

Massimo D’Alema rilancia un dubbio che deve essere venuto in fondo a tutti appena appresa la news. Ma tanto i no global non avranno cuore a disturbare anche qui. Silvio Berlusconi ne è certo.

Al governatore dell’isola sarda, in quel di Palazzo Grazioli, Silvio ha promesso che lo spostamento del G8 dalla Maddalena non porterà a lasciare i lavori ormai già in corso. La Sassari-Olbia, in partiocolar modo, che, assicura Ugo Cappellacci, sarà consegnata nei tempi previsti.

La Maddalena sarà la sede operativa permanente di tutti gli eventi internazionali

E’ che, in fondo, l’isola presentava anche una serie di ostilità. La Protezione Civile era alle prese, prima della notizia dello spostamento, con una serie di questioni logistiche che vedevano protagoniste navi da crociera da minimo seicento posti. I Signori del G8, infatti, alla Maddalena ci sarebbero arrivati così. Erano previsti 4500 giornalisti: per loro, il Press Village di Olbia, distante quasi 50 km dalla ex-sede dell’incontro internazionale. Ah, Guido Bertolaso è commissario straordinario anche in questo caso, al G8.

Le 4mila persone previste, tra potentati vari, se non ospitati negli alberghi sulla terraferma, dovevano essere sistemati su una nave enorme: la MSC Fantasia. Solo che il fondale non era abbastanza profondo per una nave del genere. Non avrebbe potuto attraccare. E i potenti? Come sarebbero stati trasportati?

Ora il problema non si pone più.

Commenti (1)

  1. Piuttosto che quest’inutile farsa del G8 all’aquila, il PDL farebbe bene ad imitare i Liberal Democratici di Daniela Melchiorre destinando il 25% dei rimborsi elettorali alle famiglie abruzzesi

Lascia un commento