Esercitazioni nucleari della Russia vicino ai confini ucraini: come interpretare la mossa

Per la prima volta dall’invasione, la Russia vuole effettuare esercitazioni tattiche di armi nucleari vicino al confine ucraino. Non significa che un attacco sia imminente, dicono gli analisti. Si tratta più di messaggi politici dietro le tanto temute esercitazioni nucleari di oggi.

Lunedì, un giorno prima dell’ultima inaugurazione del presidente russo Vladimir Putin, il ministero della Difesa russo ha annunciato piani per manovre tattiche di armi nucleari vicino al confine ucraino nel “pronov futuro prossimo”. Sarebbe la prima volta che tali esercitazioni si terranno da quando l’invasione russa dell’Ucraina nel 2022.

esercitazioni nucleari
esercitazioni nucleari

Come leggere le esercitazioni nucleari della Russia

Il ministero ha detto che le esercitazioni saranno effettuate da unità missilistiche del distretto militare meridionale della difesa aerea, con la partecipazione delle forze aeree e navali e mirano a “aumentare la prontezza delle forze nucleari non strategiche”.

Quell’area non si estende solo attraverso il territorio russo accettato, ma anche la Crimea, che è stata annessa nel 2014, e quattro regioni ucraine nel sud-est che sono state parzialmente occupate dalla Russia.

Le minacce nucleari da Mosca hanno generato critiche in Occidente. I funzionari occidentali hanno ripetutamente criticato la leadership russa per aver fatto minacce nucleari. Putin non ha apertamente minacciato un attacco nucleare, anche se ha avvertito l’Occidente della possibilità di una guerra nucleare in caso di confronto diretto.

Dmitry Medvedev, ex presidente russo e vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha apertamente minacciato l’uso di armi nucleari in diverse occasioni, tra cui ancora una volta lunedì. Medvedev ha anche accostato la decisione di tenere esercitazioni tattiche di armi nucleari con deliberazioni in Occidente sull’invio di truppe di terra alleate in Ucraina.

Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha anche collegato le esercitazioni nucleari pianificate con le dichiarazioni dei politici occidentali riguardanti un possibile dispiegamento di truppe in Ucraina, menzionando in particolare il presidente francese Emmanuel Macron. Peskov ha parlato di un “nuovo giro di crescenti tensioni”.

Le armi nucleari tattiche sono diverse dalle cosiddette armi nucleari strategiche perché sono meno potenti e hanno una portata più piccola. Possono assumere la forma di artiglieria, ma sono il più delle volte missili balistici o da crociera. Sono sparati utilizzando sistemi che possono trasportare testate convenzionali e nucleari. Le testate nucleari per i sistemi missilistici terra-aria con una gittata fino a 500 chilometri (311 miglia) e sistemi missilistici marittimi o aerei con una portata fino a 600 chilometri, sono considerate armi nucleari tattiche.

Tuttavia, non ci sono limiti chiari alla classificazione. Alcune fonti classificano i nuovi missili da crociera russi Kalibr e il missile ipersonico Kinzhal, che ha una gittata fino a diverse migliaia di chilometri, come armi nucleari tattiche.

Tutti i possibili scenari della guerra tra Palestina ed Israele nel 2024

Sono diversi i possibili scenari della guerra tra Palestina ed Israele nel 2024 ai quali potremmo andare incontro nel corso dei prossimi mesi. Come sempre accade in questo particolare contesto, infatti, nulla è prevedibile, fermo restando che ci sia sempre l’auspicio affinché un “cessate il fuoco” metta la parola fine ad un conflitto di cui avremmo fatto volentieri a meno.

guerra tra Palestina ed Israele
guerra tra Palestina ed Israele

Focus sui possibili scenari della guerra tra Palestina ed Israele nel 2024

La guerra tra Palestina e Israele è un conflitto che dura da decenni e che non mostra segni di risoluzione. Nel 2024, è probabile che il conflitto continui, con possibili escalation e nuovi scontri.

I fattori che potrebbero portare a un’escalation del conflitto nel 2024 includono:

  • La continua espansione degli insediamenti israeliani nei territori palestinesi. Gli insediamenti israeliani sono considerati illegali dalla comunità internazionale e sono una fonte di grande frustrazione per i palestinesi.
  • La mancanza di progressi nel processo di pace. I negoziati di pace tra Israele e Palestina sono in stallo da anni e non c’è alcuna prospettiva di una soluzione a breve termine.
  • L’aumento dell’estremismo su entrambi i lati del conflitto. L’estremismo sta diventando sempre più diffuso sia tra i palestinesi che tra gli israeliani, il che rende più probabile la violenza.

Se si verificasse un’escalation del conflitto, è probabile che si verifichi in uno dei seguenti modi:

  • Attacchi terroristici da parte di gruppi palestinesi. I gruppi terroristici palestinesi, come Hamas e il Jihad islamico, potrebbero lanciare attacchi contro Israele, con l’obiettivo di provocare una risposta militare israeliana.
  • Operazioni militari israeliane nei territori palestinesi. Israele potrebbe lanciare operazioni militari nei territori palestinesi per fermare gli attacchi terroristici o per punire i gruppi responsabili.

Un’escalation del conflitto potrebbe avere gravi conseguenze per la regione. Potrebbe portare a un aumento delle vittime civili, a una destabilizzazione dei territori palestinesi e a una tensione internazionale.

Tuttavia, è anche possibile che il conflitto continui a rimanere a un livello di bassa intensità, con sporadici scontri tra le forze israeliane e palestinesi. In questo caso, il conflitto continuerebbe a rappresentare una fonte di tensione e instabilità nella regione, ma non sarebbe probabile che degenerasse in una guerra a grande scala.

In definitiva, le previsioni per la guerra tra Palestina e Israele nel 2024 sono incerte. Il conflitto potrebbe continuare a rimanere a un livello di bassa intensità, oppure potrebbe verificarsi un’escalation con gravi conseguenze per la regione. Vi terremo aggiornati sulla guerra tra Palestina ed Israele nel 2024.

La Corea del Nord potrebbe aver fornito missili a corto raggio alla Russia

Stanno trapelando nuove indiscrezioni in queste ore, secondo cui la Corea del Nord potrebbe aver fornito missili a corto raggio alla Russia. Nello specifico, l’ultima uscita da parte dell’esercito sudcoreano arriva dopo che gli Stati Uniti hanno affermato che Pyongyang abbia spedito oltre 1.000 container carichi di armi a Mosca.

missili a corto raggio
missili a corto raggio

Rumors secondo cui la Corea del Nord potrebbe aver fornito missili a corto raggio alla Russia

Cosa sappiamo per ora? L’esercito sudcoreano ha affermato che la Corea del Nord potrebbe aver fornito missili balistici a corto raggio e missili antiaerei portatili alla Russia, hanno riferito giovedì i media locali. L’ultima affermazione del Joint Chiefs of Staff (JCS) è arrivata in seguito all’affermazione degli Stati Uniti secondo cui Pyongyang aveva spedito oltre 1.000 container contenenti attrezzature militari e munizioni a Mosca.

“Ufficiali militari hanno stimato che circa 2.000 container di equipaggiamenti militari e munizioni siano stati spediti dal porto di Rajin, nel nord-est della Corea del Nord, a Vladivostok, nell’Estremo Oriente russo, una cifra in netto aumento rispetto ai 1.000 container rivelati dalla Casa Bianca il 13 ottobre, citando le immagini satellitari scattate settembre”, ha riferito Yonhap News con sede a Seoul citando il JCS.

L’anonimo funzionario presumeva anche che la Corea del Nord avesse fornito proiettili di artiglieria alla Russia per aiutare Mosca nella guerra in Ucraina. “Ci sono indicazioni sulla fornitura di armi da parte della Corea del Nord alla Russia dalla metà del 2022, e il commercio di armi attraverso le rotte marittime è aumentato in agosto, poco prima della visita di Kim Jong-un in Russia”, ha citato un alto funzionario l’agenzia.

La settimana scorsa, gli Stati Uniti, il Giappone e la Corea del Sud hanno condannato fermamente la Corea del Nord per aver presumibilmente fornito attrezzature militari e munizioni alla Russia per la sua guerra contro l’Ucraina.

Il 18 ottobre, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha visitato Pyongyang e ha incontrato il leader nordcoreano Kim Jong-un. La sua visita è avvenuta dopo che Kim ha effettuato un viaggio ufficiale di una settimana in Russia a settembre, dove ha tenuto colloqui a livello di vertice con il presidente Vladimir Putin.

Staremo a vedere quali saranno gli effetti, da un punto di vista prettamente diplomatico, riguardanti i rumors per i quali la Corea del Nord sarebbe arrivata a fornire missili a corto raggio alla Russia. L’Ucraina, nel frattempo, si pone diversi interrogativi sotto questo punto di vista.

Prospettive sulla guerra in Ucraina verso il 2024

La guerra tra Russia ed Ucraina è un conflitto in corso che ha avuto un impatto devastante sui due paesi e sull’Europa. Le prospettive del conflitto nel 2024 sono ancora incerte, ma è possibile identificare alcuni fattori che potrebbero influenzarne l’esito.

Il prosieguo del conflitto

Nel 2023, il conflitto si è concentrato sul Donbass, dove la Russia ha condotto una serie di offensive per conquistare il territorio controllato dall’Ucraina. La Russia ha ottenuto alcuni successi militari, ma l’Ucraina ha resistito e ha continuato a infliggere perdite al suo avversario.

Nel 2024, è possibile che la Russia continui a concentrarsi sul Donbass, o che possa lanciare un’offensiva su altri fronti, come la regione di Odessa. La Russia potrebbe anche tentare di intensificare i bombardamenti delle città ucraine, per cercare di indebolire la resistenza ucraina.

Le sanzioni economiche

Le sanzioni economiche imposte dall’Occidente alla Russia hanno avuto un impatto significativo sull’economia russa. La Russia sta affrontando una recessione, e l’inflazione è in aumento.

Le sanzioni potrebbero avere un impatto crescente sul conflitto nel 2024. La Russia potrebbe essere costretta a ridurre la sua spesa militare, o potrebbe essere costretta a negoziare un accordo di pace.

La situazione politica interna

La guerra ha avuto un impatto significativo sulla situazione politica interna in Russia. Il presidente Vladimir Putin è diventato sempre più impopolare, e si è intensificata la repressione delle voci di dissenso.

La situazione politica interna potrebbe avere un impatto sul conflitto nel 2024. Se Putin dovesse perdere il sostegno dell’opinione pubblica russa, potrebbe essere costretto a ritirarsi dalla guerra.

La situazione politica internazionale

La guerra in Ucraina ha rafforzato l’unità dell’Occidente. Gli Stati Uniti e l’Europa hanno fornito all’Ucraina un importante sostegno militare e finanziario.

La situazione politica internazionale potrebbe avere un impatto sul conflitto nel 2024. Se l’Occidente dovesse aumentare il suo sostegno all’Ucraina, potrebbe rendere più difficile per la Russia raggiungere i suoi obiettivi militari.

Conclusione

Le prospettive della guerra tra Russia ed Ucraina nel 2024 sono ancora incerte. Tuttavia, è possibile che il conflitto possa prolungarsi per diversi anni, o che possa concludersi con un accordo di pace. In entrambi i casi, la guerra avrà un impatto duraturo sull’Ucraina, sulla Russia, e sull’Europa.

Alcuni scenari possibili

Ecco alcuni scenari possibili per il conflitto nel 2024:

Proseguimento del conflitto: La Russia continua a concentrarsi sul Donbass, o lancia un'offensiva su altri fronti. La guerra si prolunga per diversi anni, con un alto costo in termini di vite umane e distruzione.
Accordo di pace: La Russia e l'Ucraina raggiungono un accordo di pace, che prevede il ritiro delle truppe russe da parte dell'Ucraina. La guerra si conclude, ma l'Ucraina è costretta a cedere parte del suo territorio alla Russia.
Derrota russa: La Russia subisce una sconfitta militare, e si ritira dall'Ucraina. La guerra si conclude con una vittoria dell'Ucraina, che mantiene la sua sovranità e integrità territoriale.

Quale scenario si verificherà è ancora difficile da dire. Tuttavia, è chiaro che la guerra in Ucraina avrà un impatto duraturo sull’Europa e sul mondo.

Segnali contrastanti dalla Cina sul conflitto tra Russia ed Ucraina

Stanno arrivando in queste ore segnali contrastanti dalla Cina, per quanto concerne una questione come il delicato conflitto tra Russia ed Ucraina. Se da un lato Pechino fa sapere di voler aiutare l’UE per i negoziati di pace, allo stesso tempo non dobbiamo ignorare altri segnali.

conflitto tra Russia ed Ucraina
conflitto tra Russia ed Ucraina

Gli ultimi riscontri dalla Cina sul conflitto tra Russia ed Ucraina

Il capo della difesa cinese ha promesso martedì di portare la cooperazione militare con Mosca a un nuovo livello, una dichiarazione che riflette legami sempre più stretti tra Russia e Cina durante i combattimenti in Ucraina.

Il ministro della Difesa cinese, il generale Li Shangfu, ha tenuto colloqui con il suo omologo russo Sergei Shoigu dopo aver partecipato a un incontro domenica con il presidente russo Vladimir Putin al Cremlino.

“Le forze armate di Cina e Russia attueranno gli accordi raggiunti dai capi di stato e amplieranno la cooperazione militare, i legami tecnico-militari e il commercio di armi”, ha detto Li nelle osservazioni di apertura dell’incontro di martedì con Shoigu. “Li porteremo sicuramente a un nuovo livello”.

Il viaggio di Li segue la visita di stato di tre giorni del mese scorso nella capitale russa del leader cinese Xi Jinping, che riflette il rafforzamento dell’impegno della Cina con la Russia. Mosca e Pechino hanno strettamente allineato le loro politiche nel tentativo di rimodellare l’ordine mondiale per diminuire l’influenza degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali.

La Cina ha rifiutato di criticare le azioni della Russia in Ucraina e ha accusato gli Stati Uniti e la NATO di aver provocato Mosca. La visita di Xi a Mosca ha dato un forte impulso politico a Putin, inviando un messaggio ai leader occidentali che i loro sforzi per isolare la Russia sono falliti.

Dopo i colloqui, Putin e Xi hanno rilasciato dichiarazioni congiunte impegnandosi a rafforzare ulteriormente la loro “cooperazione strategica”, sviluppare la cooperazione nell’energia, nelle industrie high-tech e in altri settori ed espandere l’uso delle loro valute nel commercio reciproco per ridurre la dipendenza dall’Occidente.

Dopo più di un anno di combattimenti in Ucraina e di pesanti sanzioni occidentali, la dipendenza della Russia dalla Cina è aumentata in modo significativo. Di fronte alle restrizioni occidentali sulle sue esportazioni di petrolio, gas e altre esportazioni, la Russia ha spostato i suoi flussi di energia verso la Cina e ha notevolmente ampliato le altre esportazioni, determinando un aumento del 30% nel commercio bilaterale. Vedremo quali saranno i prossimi segnali che arriveranno dalla Cina sul conflitto tra Russia ed Ucraina.

Dalla Cina conferme sull’apertura della Russia a negoziazioni di pace in Ucraina

Ci sono importanti conferme sul fatto che la Russia sia sempre aperta a negoziazioni di pace per quanto concerne la guerra in Ucraina e le possibilità di trovare un accordo tra le parti. Il presidente russo Vladimir Putin, durante un incontro con il suo omologo cinese Xi Jingping al Cremlino, ha detto che il suo Paese è “sempre aperto a un processo negoziale”. Putin ha reso note le osservazioni lunedì in risposta al “piano cinese per risolvere la crisi in corso in Ucraina”.

negoziazioni di pace
negoziazioni di pace

Chiarimenti di Berlusconi dopo le dichiarazioni iniziali su Zelensky ed Ucraina

Si sono rivelati necessari dei chiarimenti da parte di Berlusconi, in seguito ad una precedente uscita nei confronti dell’Ucraina, stano a quanto abbiamo avuto modo di raccogliere proprio in queste ore A seguito delle critiche per i suoi commenti sul presidente ucraino Zelensky, l’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi ha affermato di aver sempre sostenuto il popolo ucraino.

Berlusconi
Berlusconi

Non si arresta la guerra in Ucraina: gli ultimi aggiornamenti da Soledar

Non si arresta in alcun modo la guerra in Ucraina nel 2023. Già perché gli ultimi aggiornamenti dal fronte ci dicono che in queste ore un nuovo attacco ucraino avrebbe “mandato all’inferno più di 100 soldati russi“, come riportato da diverse fonti locali ovviamente “schierate”. Insomma, se la notizia dovesse essere confermata, ci sarebbero i presupposti per parlare di una nuova battuta d’arresto per le truppe di Putin durante la battaglia di Soledar, mentre le immagini satellitari prima e dopo rivelano devastanti distruzioni.

Soledar
Soledar

Cosa aspettarsi se esplode la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia per la guerra

In tanti si chiedono cosa potrebbe succedere nel caso in cui dovesse esplodere la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia per la guerra in corso tra la stessa Ucraina e la Russia. Nonostante un’esplosione non sia impossibile, gli esperti affermano che la più grande preoccupazione è la perdita di radiazioni che potrebbe derivare dalla guerra in corso proprio tra Russia ed Ucraina. Ad oggi, il quadro diplomatico è più complesso di quanto si possa pensare.

Zaporizhzhia
Zaporizhzhia

Hillary Clinton insidia Biden tra le preferenze degli americani come Presidente

L’indice di popolarità di Biden è attualmente al 33% e quello di Harris è stato il più basso tra i vicepresidenti dagli anni ’70. Martedì, non a caso, la stampa americana ha nominato Hillary Clinton come uno dei candidati presidenziali più meritevoli in un articolo di opinione pubblicato sul portale di notizie della CNN, in cui si affermava che la politica statunitense attendeva con impazienza il ritorno di Clinton. “L’intera vita politica, democratici e repubblicani è stata elettrizzata dall’opportunità”, ha detto la redazione.

Hillary Clinton
Hillary Clinton

Biden ha fatto il punto sulla variante Omicron a Natale

Arriva una presa di posizione molto importante da parte di Biden, per quanto riguarda la questione della variante Omicron. Si tratta di alcune linee guida, necessariamente in grado di influenzare anche il nostro Paese. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto agli americani preoccupati per la rapida diffusione della variante del coronavirus di Omicron che il paese era “preparato” a combatterlo, poiché Israele – che ha aperto la strada all’uso dei booster del vaccino contro il Covid – ha annunciato il quarto colpo per gli over 60 e gli operatori sanitari.

Biden
Biden

Brexit: prove tecniche di rinvio. May e Corbyn verso il sì

brexitQualche giorno fa, Jeremy Corbyn aveva acceso le speranze dei sostenitori di un nuovo referendum sulla Brexit. Ieri è stato affiancato dalla May, alle prese con la rivolta dei suoi ministri, tre dei quali avevano minacciato di dimettersi in caso la Premier non fosse riuscita ad ottenere il famoso deal.

La proposta della May

Arriva così la proposta della May, che vorrebbe lasciar decidere al Parlamento se affrontare un no deal o chiedere un rinvio della Brexit, sfruttando la sentenza della Corte di Giustizia europea. Ora la palla passa alla Camera, che dovrà decidere il 12, 13 e 14 marzo, votando una serie di emendamenti che (forse) faranno luce sul futuro.

Un “pasticciaccio brutto”, questo della Brexit, con la Gran Bretagna che sembra essere arrivata impreparata su tutti i fronti, alla fatidica data del 29 marzo. Da una rigidità incomprensibile (visto la strettissima vittoria dell’exit) ad una paura strisciante anche da parte degli “stay”.

Il paese si trova di fronte ad un caos politico in cui finora è stato detto di tutto, mentre la parte economica del paese ha già deciso da che parte stare. Uscire sarebbe un disastro, secondo le aziende, soprattutto senza un no-deal.

La rigidità e lìottusità di molte componenti politiche hanno fatto perdere di vista la real politik della situazione britannica, a cui bastava un ripensamento delle frontiere per limitare la forte immigrazione. Invece si è voluto portare lo scontro a livello ideologico.

Immigrazione: Macron apre la crisi politica con l’Italia

ImmigrazioneL’immigrazione è sempre al centro del dibattito europeo, con il muro contro muro tra l’Italia e gli atri membri dell’Unione. Ed è di nuovo l’Acquarius a far discutere i paesi europei, messi di fronte al problema, dal nostro paese.

Adesso il Portogallo annuncia la soluzione per i 58 migranti salvati dalla nave che cercava un porto dove farli sbarcare. L’Italia non è più disposta ad accettare flussi immigratori incontrollati, e così i migranti dovrebbero andare in Portogallo, Spagna, Francia e Germania.

Una soluzione a quattro

Alla fine è stata chiamata la soluzione a quattro. La Francia, dopo un’iniziale rifiuto, si è fatta promotrice dell’iniziativa con una proposta condivisa. Sbarco a Malta e poi viaggio negli altri paesi. I leader francese e maltese gonfiano il petto, criticando il nostro paese. “Malta e Francia ancora una volta si fanno avanti per risolvere l’impasse dei migranti”, fa sapere il premier maltese Joseph Muscat, dimenticando quanto l’Italia sia stata lasciata sola in passato, e quanto, soprattutto Malta, abbia sempre rifiutato di accogliere i migranti.
Anche Macron critica la chiusura dei porti italiani e apre alla crisi: “C’è una crisi politica tra l’Italia e il resto dell’Europa. L’Italia ha scelto di non seguire più le leggi internazionali e in particolare quelle umanitarie del mare, secondo cui quando una nave è in una situazione umanitaria va nel porto più vicino”.
Pronta la risposta del premier Conte: “Se Macron dice che l’Italia ha una crisi politica in atto con l’Ue, io rispondo che lui rappresenta la Francia, l’Europa è composta da 27 Paesi. Se parla per la Francia va benissimo: l’Italia non ha un problema con la Francia”.

Ancora un missile coreano sopra il Giappone

missile-coreaLa politica estera in Estremo Oriente continua a destare preoccupazioni, dopo un nuovo test missilistico della Corea del Nord che ha sorvolato il Giappone, passando sopra le teste degli abitanti dell’isola di Hokkaido. Un missile con una gittata di 3700 chilometri, che però potrebbe arrivare fino alla base americana di Guam.

La Corea del Nord dunque, vuole dare delle dimostrazioni di forza a seguito delle sanzioni a cui è stata sottoposta in settimana dall’Onu, come del resto è successo anche nelle altre occasioni.

Naturalmente la risposta del premier giapponese Shinzo Abe è stata dura, e non poteva essere altrimenti, ma la partita si gioca su una scacchiera, non certo sulle emozioni. Il Giappone ha intento sbloccato 8 milioni di dollari di aiuti alla Corea del Sud, mentre all’Onu si sono aggiunte le sanzioni più dure nella storia nordcoreana. Trump, a novembre si recherà nell’area, con una situazione, al momento, tesa ma stabile. La Corea del Nord vuole alzare la voce, ma nulla indica una potenziale minaccia bellica immediata.

Anche gli USA sembrano aver rinunciato ora, alla minaccia militare, mentre a Seul si parla al massimo dell”operazione “decapitazione”, ovvero un’operazione di intelligence e militare, per uccidere il leader nordcoreano senza un intervento armato di invasione del paese, ma con un’operazione chirurgica durante uno spostamento di Kim-Jong-un.