Pacchetto precari, il Governo dà il via

di Angela Gennaro 1

San Precario pensaci tu. Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al brand new pacchetto di ammortizzatori sociali. Per chi? Per buona parte d’Italia, in teoria. Il pacchetto è rivolto a tutti i lavoratori precari che perdono il posto. Il piano casa – annunciato tra non poche polemiche e che prevede un aumento delle volumetrie per le abitazioni, insieme ad una gestione meno complessa per ottenere le procedure di autorizzazioni di ristrutturazione e sconti fiscali – è stato solo “analizzato” invece in via preliminare.

Ad illustrare le recenti illuminazioni per il popolo dei precari è il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi. Misure che diventeranno emendamenti al decreto incentivi che riguarda l’auto ed altri beni durevoli all’esame delle commissioni della Camera.

Buone notizie, insomma? Vediamole. Raddoppia l’indennità una tantum a coloro che hanno la ventura – spesso infinita – di un contratto a progetto. Il 20% al posto del 10% dell’ultima retribuzione annuale. In soldoni, tra i 1.000 e i 2.600 euro. Poi. Procedure più veloci per i benedetti ammortizzatori sociali. In non più di un mese addirittura, dice il Ministro. Bah. Il problema è che le notizie non sono affatto buone,m soprattutto sul fronte dei tassi di disoccupazione: Possiamo legittimamente attenderci un ulteriore peggioramento di questi indicatori nei prossimi mesi. Parola di ministro.

E proprio sul precariato la lotta non si ferma. Il precariato demotiva, il precariato stanca, il precariato consuma e stressa. Quanti di voi – anzi, quanti di noi – potrebbero e dovrebbero raccontarlo? Da strumento di elasticità del mercato e di crescita professionale al più profondo baratro dell’incertezza ingiustificata. Ad appannaggio di aziende e datori di lavoto. Di contratti a progetto rinnovati per 13 anni – me lo raccontavano ieri. Cambia il progetto, ma guai a cambiare il conveniente contratto.

Per voi, una triste satira sul precariato. Almeno ci si ride – un po’ amaramente – su.

Commenti (1)

  1. IO SONO UNA CENTRALINISTA DI UNA DITTA (NON DICO QUALE) CONTRATTO DETERMINATO, MA PER FORTUNA HO I CONTRIBUTI E TUTTO IN REGOLA, MA NON NE PARLIAMO DELLO STIPENDIO, SE ARRIVO A 400 EURO AL MESE è UN REGALO.
    MI VORREI COMPRARE O AFFITTARE CASA SPOSARMI. COME FACCIO?

Lascia un commento