L’importanza del Mare Nostrum

di Paolo Riva 1

Fin dai tempi dei greci e quindi dei romani, l’importanza del mare Mediterraneo è sempre stata fondamentale per l’economia e per il processo di scambio culturale. Un mare che permetteva di collegare in maniera particolarmente veloce, rispetto alle vie di terra, l’Italia con il Medio Oriente, una terra già da allora mitica.

Con il passare degli anni l’importanza del Mediterraneo è rimasta consolidata, nonostante la scoperta degli oceani e del nuovo continente. E a salvaguardare questa importanza, già da tempo, è stato istituito un consiglio di cooperazione sulla politica del Mediterraneo, meglio noto come “Dialogo 5 + 5”.


Il nome abbinato alla sommatoria matematica è dovuto al fatto che ne fanno parte 5 paesi della zona settentrionale del Mediterraneo (Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Malta) e 5 della zona meridionale (Mauritania, Marocco, Algeria, Tunisia e Libia).

In questi giorni i paesi del dialogo 5 + 5 sono riuniti a Rabat per una riunione che permetta di riordinare le idee sulla situazione e le nuove proposte a riguardo. Tra queste nuove proposte sembra che la delegazione italiana voglia proporre una co-presidenza annuale.

Lo stato di co-presidenza significa che per un periodo pari ad un anno, questo “Foro Mediterraneo”, avrà come presidenti un ministro nordafricano ed uno europeo che vengano incaricati di gestire l’agenda dello stesso per tutti i 365 giorni di carica.

Un proposta questa decisamente intelligente in quanto permetterebbe a tutti i paesi di trovarsi in una situazione di equità senza favoritismi da parte di una o dell’altra sponda. Questo sarebbe il pensiero di tutti probabilmente se si trattasse di un concilio formale.

In realtà il Foro Mediterraneo vuole essere un consiglio informale dove i diversi paesi cercano di portare i loro problemi e analizzano un modo per risolverli, evitando lunghe trafile burocratiche o simili. A tal proposito quindi viene da chiedere una cosa:

Perchè anche questa volta l’Italia vuole rendere le cose più difficili?

Solo i prossimi ci diranno veramente il motivo di questa proposta, per cui non ci resta che sederci ed aspettare il proseguire degli avvenimenti.

Commenti (1)

Lascia un commento