Sondaggi elezioni politiche febbraio

di Roberto Rossi Commenta

I partiti politici si stanno avvicinando alle elezioni di febbraio con strategie di notevole interesse. La forbice di distanza tra il centro sinistra e il centro destra si sta assottigliando, pur garantendo un certo margine di sicurezza alla coalizione guidata da Bersani. Lo schieramento moderato guidato da Monti inizia a sentire la fatica della campagna elettorale, mentre il movimento Cinque Stelle, dopo un calo nella parte finale del 2012, sembra aver riacquisito particolare dinamismo.

A fare il punto sulle percentuali stimate è il sito internet notapolitica.it, che riesce a fornirci un quadro sufficientemente attendibile delle posizioni degli vari schieramenti a un mese dalla tranche elettorale (vedi anche Accordo tra grandi partiti in caso di pareggio a elezioni?).

Partiamo dal centro sinistra, che dovrebbe annoverare il 35,9%, di cui 30,8% annoverabile al Partito Democratico e 5,1% attribuibile a Sinistra Ecologia e Libertà e altri schieramenti del centro sinistra. Riesce a ridurre la forbice di distacco a circa 7,5 punti percentuali il centro destra, cui viene attribuita una quota del 28,5%, di cui 18,5% del Popolo delle Libertà, 5,3% della Lega Nord, 1,8% della Destra di Storace, 1,4% dei Fratelli d’Italia e 1,5% di altri partiti della stessa area.

Il centro che fa capo al presidente Mario Monti riesce a mantenere una quota del 14,3%, con la lista di scelta civica che si riferisce allo stesso premier in grado di aggiudicarsi il 9,4%, contro l’1,2% del Fli di Fini e il 3,7% dell’Udc di Casini.

Infine, il Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo, cui viene riferito un notevole 13,3%. Tra gli altri principali schieramenti e partiti, Ingroia si aggiudica il 4,8%, mentre Fare (1,9%) e i Radicali (1%) si spartiscono le rimanenti percentuali. Residuale un 2 per cento, attribuito in misura minoritaria ai tanti altri partiti che si stanno presentando a questo nuovo appuntamento elettorale.

Torneremo, la prossima settimana, ad aggiornarvi sui sondaggi. Maggiori informazioni sul sito web notapolitica.it.

Lascia un commento