Primarie USA: L’amore ai tempi delle…elezioni

di Paolo Riva Commenta

Nella mia ancora giovane vita, non ho mai avuto modo di vivere da protagonista una campagna elettorale. Questo desiderio rimarrà tale finche, un giorno, non deciderò di scendere attivamente in politica, cosa che mi piacerebbe fare in futuro e chissà che poi un giorno non ci vedremo tutti quanti in parlamento.

Non era di certo un picchetto elettorale quello che volevo proporvi. Provate voi ad immedesimarvi in un qualsiasi candidato alle primarie USA. Migliaia di chilometri ogni giorno da percorrere, avendo sempre la propria famiglia accanto anche nei momenti difficili. Ma come potete immaginare i candidati non si spostano da soli, ma insieme a tutto il loro team.

Ogni gruppo di lavoro è composto da elementi chiave. Ogni componente di questa squadra è adibito ad un particolare ruolo del quale poi è direttamente responsabile e, in caso di insoddisfazione da parte del candidato, può anche vedere compromessa la propria posizione.

La squadra è composta sopratutto da molti giovani. Ragazzi con un grande spirito di avventura e che non si lamentano per degli orari di lavoro da schiavismo e sfruttamento. Solo per un obiettivo, la gloria del proprio candidato.

Ma non di sola politica e lavoro vivono i ragazzi, anzi viviamo visto che ragazzo mi ci vedo ancora, di oggi. Infatti, le campagne elettorali si possono facilmente definire come il modo migliore per rimorchiare. E quando dico rimorchiare non intendo macchine, ma instaurare rapporti con il sesso opposto.

La situazione è facilmente comprensibile. Si è lontani da casa, si è costretti a stringere rapporti con praticamente ogni persona per avere una maggiore affinità, ma soprattutto per evitare di deprimersi ulteriormente. I mesi passano si rimane sempre a stretto contatto.

Ed ecco che la campagna elettorale di Hillary Clinton si è trasformata in amore per due componenti del suo entourage, Brendan Gilfillian e Kat Atwater, uno componente della squadra di Hillary e l’altra organizzatrice di eventi sempre del medesimo staff.

E non sono loro l’unico esempio di amore nato dalla politica. In passato, diverse coppie sono nate sulle strade delle campagne elettorali e sono convolate anche a nozze in alcuni casi.

I motivi di queste molteplici unioni sono semplici. Ci si trova per lungo tempo a stretto contatto con persone che hanno opinioni molto simili alle proprie. E se da cosa nasce cosa, l’alchimia tra le persone fa poi il resto.

Credo che forse prima di entrare in politica mi farò sicuramente un paio di campagne elettorali. Da staffer però, non trovate?

Lascia un commento