Pier Silvio Berlusconi si unisce al gruppo di estimatori di Renzi

di Alba D'Alberto Commenta

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi continua a conquistare consensi a volte inaspettati. Se il passaggio di alcuni parlamentari di Sel al Pd di Renzi si possono spiegare con le problematiche interne al partito di Ventola, come un collegamento interno al centrosinistra o come una ricerca di poltrone, altre posizioni che si avvicinano a quelle di Renzi destano stupore.

 

Da quando si è insediato Renzi ha suscitato la simpatia di personaggio fino ad allora alquanto ostili o all’Italia o alla sinistra. Tra questi sicuramente la cancelliera tedesca Angela Merkel, che con Silvio Berlusconi non si era mostrata proprio soddisfatta. Il rapporto di Merkel e degli altri politici europei con Renzi e il governo italiano ora è sicuramente più disteso. Ma cosa fa Renzi per piacere a tutti? Ha un grande carisma? Sarà il fatto che è giovane? O un ottimo politico che sa parlare con tutti?

La questione non è di facile risoluzione se nemici storici come D’Alema tornano sui loro passi e se Berlusconi si mostra affascinato dal Presidente del Consiglio. E per un Berlusconi che è sul viale del tramonto, un altro Berlusconi, Pier Silvio, conferma la linea di apprezzamento per Renzi e si lancia in un endorsement in suo favore. Il vice presidente di Mediaset alla presentazione dei palinsesti della nuova stagione ha affermato: “La crisi che stiamo vivendo è troppo lunga. Non c’è più un minuto da perdere: come italiano e come imprenditore, tifo per le riforme subito e per la fretta del governo. Renzi ha una chance unica e una grandissima responsabilità”. Una dichiarazione che non lascia dubbi sull’appoggio di Pier Silvio Berlusconi a Matteo Renzi e sulla sua fiducia nel governo. Per Pier Silvio Berlusconi, Renzi è il migliore comunicatore in politica dopo il padre.
La lista di coloro che appoggiano Renzi aumenta e il 40% preso alle elezioni europee ne rafforza la posizione e la leadership nella politica italiana.