Mondadori respinto il ricorso Fininvest

di Alba D'Alberto Commenta

berlusconiLa Corte di Cassazione ha respinto il ricorso della Fininvest che era stato sollevato contro la Cir di Carlo De Benedetti per il Lodo Mondadori. A differenza di quanto dettato dalla sentenza in secondo grado, ovvero quella della Corte d’Appello, ci sarà un risarcimento più basso, a differenza dei 564.2 milioni di euro. Un ribasso che si aggira intorno ai 70 milioni di euro, pari al 15% del danno patrimoniale, calcolato sui 180 milioni dei complessivi 564,2. Poi vanno calcolati gli interessi, quindi lo sconto finale sul risarcimento dovrebbe ammontare sui 24 milioni di euro. Dalla cifra in questione devono essere ricalcolati gli interessi e si arriva alla riduzione di 70 milioni di euro per un totale, quindi, di euro 494 milioni. Cir, che comunque aveva ricevuto 564,2 milioni di euro da Fininvest, dovrà restituirne una parte in attesa della sentenza definitiva. La sentenza conferma che la Cir ha subito un danno nella questione del Lodo Mondadori.

Secondo la stessa sentenza Berlusconi ha beneficiato del contesto che è stato messo in atto dai suoi uomini di fiducia. La Cassazione ha palesato con la sua sentenza ciò che era già stato marcato dalla Corte d’Appello ovvero che Berlusconi non poteva non sapere. Quindi per la Corte di Cassazione gli elementi ed argomenti di prova riconducono la responsabilità alla società Fininvest, responsabilità imputabile anche a Silvio Berlusconi.

Per la Corte di Cassazione la vicenda del Lodo Mondadori si conclude con quest’ultima sentenza per quanto riguarda Silvio Berlusconi prosciolto per prescrizione. Fininvest dovrà pagare le spese giudiziarie sostenute dalla Cir (solamente la metà), che ammontano a 900.200 euro, mentre l’altra metà spetta alle altre parti.