Maroni vuole querelare Famiglia Cristiana

di Angela Gennaro 2

L’Italia si è incamminata verso il baratro delle leggi razziali… No, non è Di Pietro in una delle sue nuove missive o in un altro “accorato” appello a Giorgio Napolitano. No. E’ Famiglia Cristiana a scriverlo – e a richiamarne il senso con la vignetta che troverete in home page oggi.Per questo, il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, ha querelato il settimanale.

L’Italia sta precipitando verso le leggi razziali. Adesso il ministro Maroni denunci anche me

Fa eco oggi – sfidando apertamente – il segretario del Pd, Walter Veltroni. Famiglia Cristiana, nei giorni scorsi, ha pubblicato un articolo in cui si criticano le nuove norme sulla sicurezza che riguardano gli immigrati. Non è al prima volta che il Ministro entra nel mirino del giornale, che aveva definito un’indecente proposta prendere le impronte digitali ai bambini rom.

Il senatore Federico Bricolo risponde a nome della Lega. Come?

È vero che Famiglia Cristiana è un giornale ormai eversivo. Nessuno si può permettere di attaccare l’istituzione del Senato, perché in questo paese non si fanno leggi razziali

Certo. E’ la prima cosa che si pensa leggendo il giornale dei Paolini. Eversivo: quale definizione migliore. Bricolo spiega anche che sono state già approvate norme già applicate nella stragrande maggioranza dei paesi europei.

Parole eversive? Eccole:

Il soffio ringhioso di una politica miope e xenofoba, che spira nelle osterie padane, è stato sdoganato nell’aula del Senato della Repubblica

Si sono risentiti, quelli delle osterie padane. Il settimanale si riferisce alla norma che invita i medici a fare la spia e denunciare i clandestini. Ma non si lascia sfuggire neppure le ronde padane cittadini che si organizzano in associazioni paramilitari al pari dei bravi di don Rodrigo – nè dimentica le novità del Governo costituite da: i registri per i barboni, i prigionieri virtuali solo perché poveri estremi, i permessi di soggiorno a punti e costosissimi.

Seguiremo con ansia il percorso di queste querele

Commenti (2)

I commenti sono disabilitati.