Aumenta il prezzo della benzina, in arrivo nuove accise

di Michele Laganà Commenta

Nella giornata di ieri, l’azienda Eni, ha ritoccato verso l’aumento i prezzo della benzina, portando, oggi, i suoi diretti concorrenti ad aumentare di conseguenza i loro listini. Oggi si è raggiunto un nuovo record per il costo della benzina, arriva a toccare punte di 1,724 euro al litro nei distributori IP. E’ quanto emerge dai monitoraggi di Quotidiano energia. Nella giornata di oggi, sono state segnalati nuovi aumenti anche nei distributori TotalErg +0,7 cent sulla verde e Q8 con un aumento di 0,5 cent sulla benzina.

All’inizio di Gennaio, sono previsti ulteriori aumenti riguardanti le accise regionali che verranno aumentate su 10 regioni italiane tra cui il Lazio e la Toscana. Il massimo dell’aumento è previsto in Toscana dove si arriverà ad un aumento pari a 6,1 centesimi di euro/litro (iva inclusa) per frane e alluvioni, mentre nel Lazio l’aumento sarà di 2,6 centesimi per i buchi di bilancio. La Liguria aumenta di 2,5 centesimi, nelle Marche 5 centesimi ed in Umbria aumenta di 4 centesimi.

Questi aumento previsti per Gennaio, andranno a dividere in due l’Italia. 10 Regioni si vedranno aumentare il costo della benzina, invece, altre 10 no cioè il Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Valle d’Aosta, Emilia-Romagna, Abruzzo, Basilicata, Sicilia e Sardegna. Questa nuova ondata di aumenti, ha fatto scattare sul piede di guerra le due principali associazioni dei consumatori.

Federconsumatori e Adusbef hanno quantificato in un aumento di circa 15 euro in più rispetto all’anno precedente quando si effettua un pieno di benzina. “Come temevamo il prezzo della benzina ha raggiunto ormai un livello insostenibile” hanno spiegato i presidenti delle due associazioni “le ricadute sulle tasche dei cittadini sono gravissime”. E’ proprio per questo motivo che le due associazioni dei consumatori hanno richiesto di accelerare sul versante delle liberalizzazioni per favorire in maniera maggiore il consumatore finale.

 

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento