Andrea Camilleri e Benedetto Croce

di IsayStaff Commenta



Che colore politico si potrebbe dare ai romanzi del Commissario Montalbano? Magistralmente nelle nostre menti (nella mia, almeno, decisamente) e nei nostri occhi intepretato sullo schermo da Luca Zingaretti. Uomo di fascino estremo, che poco, in termini di apparenza accattivante, ha passato al fratello minore, Nicola, Presidente della Provincia di Roma.


Piacciono, i racconti delle gesta di Montalbano? Andrea Camilleri fa viaggiare il lettore nella sua Sicilia. La scrittura è superiore.

Da Wikipedia, il sunto del popò di roba che ha scritto: Bibliografia

* 1978, Il corso delle cose, Lalli
* 1980, Un filo di fumo, Garzanti
* 1984, La strage dimenticata, Sellerio “Quaderni della Biblioteca siciliana di storia e letteratura”
* 1992, La stagione della caccia, Sellerio “Quaderni della Biblioteca siciliana di storia e letteratura”
* 1993, La bolla di componenda, Sellerio “Quaderni della Biblioteca siciliana di storia e letteratura”
* 1994, La forma dell’acqua, Sellerio “La Memoria”
* 1995, Il gioco della mosca, Sellerio “Il divano”
* 1995, Il birraio di Preston, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838910987) “Il castello” (ISBN 8838914990)
* 1996, Il cane di terracotta, Sellerio “La Memoria” (ISBN 88-389-1226-2)
* 1996, Il ladro di merendine, Sellerio “La Memoria” (ISBN 88-389-1319-6)
* 1997, La voce del violino, Sellerio “La Memoria” (ISBN 88-389-1405-2)
* 1998, La concessione del telefono, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838913447) “Il castello” (ISBN 8838915008)
* 1998, Un mese con Montalbano, Mondadori “Omnibus”
* 1999, La mossa del cavallo, Rizzoli “La Scala”
* 1999, Gli arancini di Montalbano, Mondadori “Scrittori italiani e stranieri”
* 2000, La gita a Tindari, Sellerio “La Memoria” (ISBN 88-389-1668-3)
* 2000, La scomparsa di Patò, Mondadori “Scrittori italiani e stranieri”
* 2000, Biografia del figlio cambiato, Rizzoli “La Scala”
* 2000, Favole del tramonto, Edizioni dell’Altana “I quaderni”
* 2001, Racconti quotidiani, Libreria dell’Orso “Storia e letteratura”
* 2001, Gocce di Sicilia, Edizioni dell’Altana
* 2001, L’odore della notte, Sellerio “La Memoria”
* 2001, Il re di Girgenti, Sellerio “La Memoria”
* 2001, Le parole raccontate. Piccolo dizionario dei termini teatrali, Rizzoli “Piccola Biblioteca La Scala”
* 2002, La paura di Montalbano, Mondadori “Scrittori italiani e stranieri”
* 2002, Storie di Montalbano, Mondadori “I Meridiani”
* 2002, L’ombrello di Noè. Memorie e conversazioni sul teatro’, Rizzoli “Piccola Biblioteca La Scala”
* 2002, La linea della palma. Saverio Lodato fa raccontare Andrea Camilleri, Rizzoli “BUR”
* 2002, Le inchieste del Commissario Collura, Libreria dell’Orso “Storia e letteratura”
* 2003, Il giro di boa, Sellerio “La Memoria” (ISBN 88-389-1860-0)
* 2003, La presa di Macallè, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838918961)
* 2003, Teatro, Arnaldo Lombardi “Gioielli discreti”
* 2004, Romanzi storici e civili, Mondadori “I Meridiani” (ISBN 8804519290)
* 2004, La prima indagine di Montalbano, Mondadori “Scrittori italiani e stranieri” (ISBN 8804529830)”Bestseller” ISBN 8804550201)
* 2004 (30.09.), La pazienza del ragno, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838919984)
* 2005 (17.03.), Privo di titolo, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838920303)
* 2005 (23.06.), La luna di carta, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838920540)
* 2005 (05.07.), Il medaglione, Mondadori “Piccola Biblioteca Oscar” (ISBN 8804550279)
* 2006 (17.01.), La pensione Eva, Mondadori “Scrittori italiani e stranieri”(ISBN 8804554347)
* 2006 (08.05.), Il diavolo. Tentatore; Innamorato, Donzelli
* 2006 (20.04.), La vampa d’agosto, Sellerio “La Memoria”(ISBN 9788838921445)
* 2006 (15.09.), Vi racconto Montalbano, Interviste, Datanews (ISBN 8879813021)
* 2006 (09.11.), Le ali della sfinge, Sellerio “La Memoria”(ISBN 883892161X)
* 2007 (10.01.), Pagine scelte di Luigi Pirandello, Rizzoli “BUR” (ISBN 8817014885)
* 2007 (06.02.), Il colore del sole, Mondadori “Scrittori italiani e stranieri”(ISBN 8804562072)
* 2007 (15.03.), Le pecore e il pastore, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838922039)
* 2007 (30.03.), Boccaccio – La novella di Antonello da Palermo, Guida (ISBN 9788860422606)
* 2007 (07.06.), La pista di sabbia, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838922160)
* 2007 (09.10.), Voi non sapete – Gli amici, i nemici, la mafia, il mondo nei pizzini di Bernardo Provenzano, Mondadori (ISBN 8804575115)
* 2007 (31.10.), Maruzza Musumeci, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838922489)
* 2008 (26.02.), Il tailleur grigio, Mondadori “Scrittori italiani e stranieri” (ISBN 8804573554)
* 2008 (20.03.), Il campo del vasaio, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838922853)
* 2008 (26.06.), Il casellante, Sellerio “La Memoria” (ISBN 8838923027)

Audiolibri

* 2002, Andrea Camilleri, Camilleri legge Montalbano, Milano, Mondadori; raccolta di racconti, pp. 112, con 2 CD-ROM in allegato, ISBN 8804509740
* 2006, Un filo di Fumo, Full Color Sound (ISBN 88-7846-010-9), letto da Fiorello

Riconoscimenti [modifica]

* Nel 2003 è stato insignito del titolo di Grande Ufficiale dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
* Nel 2004 ha vinto il Premio della Cultura “Vittorio De Sica” consegnatogli dallo stesso Ciampi.
* Nel 2005, per tutta la sua attività letteraria vince il Premio Racalmare – Leonardo Sciascia – Città di Grotte


Ha anche un paio di titoli accademici honoris causa:

* Nel 2002 l’Università IULM di Milano gli ha conferito la laurea honoris causa in “Lingue e Letterature Straniere”.
* Nel 2005 l’Università di Pisa gli ha conferito la laurea honoris causa in “Sistemi e progetti di comunicazione”.
* Nel 2007 l’Università dell’Aquila gli ha conferito la laurea honoris causa in “Psicologia applicata all’analisi criminale”.
* Nel 2007 l’Università Gabriele D’Annunzio di Chieti – Pescara gli ha conferito la laurea honoris causa in “Filologia Moderna”.



Può piacere o non piacere, ma è innegabile che nel panorama della letteratura e della cultura contemporanea italiana assuma ben raro spessore.


E ce l’ha con Silvio. O meglio, ce l’ha con quanto sta accadendo. Lo spiega perfettamente nel suo appello.


Di nuovo, da Wikipedia:

Viene nominato senatore nel 1910 e dal 1920 al 1921 è ministro della Pubblica Istruzione nel 5° e ultimo governo Giolitti. Rompe definitivamente col fascismo, dopo il delitto Matteotti. Nello stesso anno rompe anche con Giovanni Gentile, il quale già dal 1903 collaborava con la sua rivista “La critica”, per discrepanze filosofiche e politiche. Gentile, con la pubblicazione del Manifesto degli intellettuali fascisti nel 1925, si schiera definitivamente dalla parte del fascismo e Croce risponde, pubblicando a sua volta su Il Mondo, il Manifesto degli intellettuali antifascisti nel quale viene denunciata la violenza e la soppressione della libertà di stampa da parte del regime. Si allontana quindi dalla vita politica, continuando peraltro ad esprimere liberamente le sue idee politiche, senza che il regime fascista lo censurasse.

In effetti il fascismo riteneva Croce un avversario poco temibile, sostenitore com’era di un fascismo inteso come “malattia morale” inevitabilmente superata dal progresso della storia. Inoltre la fama di Croce presso l’opinione pubblica europea lo proteggeva da interventi oppressivi da parte del regime.
Nel 1938 il regime vara la legislazione antisemita. Il governo invia a tutti i professori universitari un questionario da compilare ai fini della classificazione “razziale”. Tutti gli interpellati rispondono. L’unico intellettuale non ebreo che rifiuta di compilare il questionario fu Croce. Il filosofo, invece di restituire compilata la scheda, inviò una lettera al presidente dell’Istituto Veneto di Scienze, in cui scrive sarcasticamente:
« Gentilissimo collega, ricevo oggi qui il questionario che avrei dovuto rimandare prima del 20. In ogni caso, io non l’avrei riempito, preferendo di farmi escludere come supposto ebreo. Ha senso domandare a un uomo che ha circa sessant’anni di attività letteraria e ha partecipato alla vita politica del suo paese, dove e quando esso sia nato e altre simili cose? »


E forse, anche per Camilleri, verrà il momento del revisionismo. Ma prima, ci sarebbe un regime da far cadere.


Lascia un commento