Morucci: metti un brigatista in cattedra

di Angela Gennaro Commenta



Valerio Morucci non andrà alla Sapienza. Il professore e terrorista non salirà in cattedra.


Il rettore dell’Università la Sapienza di Roma Luigi Frati, ha fatto inequivocabilmente sapere il suo no nei giorni scorsi:

Morucci venga a parlare a via Fani

A Libero dice:

non è possibile che un brigatista che ha ucciso vittime innocenti faccia l’educatore ai ragazzi


La faccenda colpisce perché il cerchio, in qualche modo, si chiude. Sentite cosa dice il lettore nell’intervista per il quotidiano di Feltri: per chiarire la sua volontà di invitare nuovamente all’interno dell’Ateneo più grande d’Europa Papa Ratizinger comunica che

Al Pontefice e’ stato inviato un invito formale

Pensare che il 2008 era cominciato così: con il Papa che alla Sapienza non era più venuto.

Qualcuno opinerà invitare un Papa e invitare un brigatista sono due faccende differenti. Diciamo pure che, chiaramente, non si sta mettendo sullo stesso piano lo spessore umano delle due figure. Anzi. E’ Frati a mettere Ratzinger e Morucci nella stessa intervista. Perché da un lato ci tiene a chiudere il dialogo con ciò che una lezione brigatista rappresenterebbe. Dall’altro é prioritario riaprire quell’altro dialogo, quello con la Santa Sede, che tanto un anno fa si era incrinato…


Il Papa

ha accettato. Non c’è però ancora una data stabilita, perchè il suo calendario è molto fitto. Anche Padre Lombardi, il portavoce del Vaticano, ha commnetato positivamente la mia richiesta


Nella messa di Natale ho rivolto gli auguri al Papa, tornando alla polemica su Galilei che portò Ratzinger ad annullare la sua visita. E lui, durante la messa, ha ripreso il mio discorso


Il Prof. Ordinario Giorgio Mariani aveva invitato Morucci lunedì 12 gennaio per un incontro con gli studenti alla facoltà di Scienze umanistiche. La motivazione:

Le autorità di polizia e di giustizia vedono con favore questi incontri che possono avere un contenuto educativo perché aiutano le nuove generazioni a scansare le tentazioni di ripetere scelte sbagliate, in particolare in un momento in cui la protesta legittima di studenti e giovani si fa sentire nuovamente


Morucci, durante la sua militanza nelle Brigate Rosse, ha partecipato tra l’altro al sequestro di Aldo Moro. Sostiene di essersi opposto al tragico riepilogo del 16 marzo 1978 in Via Fani. Morucci, nato a Roma nel 1949, entra nelle Brigate Rosse nel 1976. Famiglia di ex artigiani, falegnami, comunisti.


E’ stato un errore annullare il dibattito con Valerio Morucci: l’Università è il luogo più adatto, pure se non il solo, al confronto su quei temi, sugli anni di piombo con chi, scontata la pena e fatta un’aspra autocritica sul suo passato, ha avuto responsabilità in fatti di terrorismo

Parola del sociologo e docente universitario, Luigi Manconi.


Per il Sindaco di Roma, invece, Gianni Alemanno, La Sapienza sarebbe in ostaggio di 300 criminali, gli stessi che invitano i terroristi come Morucci. Dobbiamo liberarcene, ha detto oggi.


Che ne pensate? Italia, anni di piombo, Aldo Moro, Brigate Rosse, Università. Memoria storica o mossa inopportuna?


Lascia un commento