Piazza Navona 8 luglio 2008. Le 5 poesie incivili di Andrea Camilleri

di Francesco Giurato 4


Piazza Navona, 8 luglio 2008, ore 18. L’appuntamento era con la manifestazione contro il ritorno delle leggi canaglia del governo Berlusconi. E grazie ai suoi potenti mezzi – bicicletta e telecamera – Politicalive era presente! Giornata intensa caratterizzata da molti alti e qualche basso, ma di questo parleremo con più calma nei prossimi giorni. Per il momento ci limitiamo a darvi un assaggio della piazza, con le nuove cinque poesie incivili lette da Andrea Camilleri sul palco della manifestazione. Catturate e youtubizzate.


La prima è “anatomica”.



La seconda, “ministeriale”



La terza, “metafisica”.



La quarta è “vaticana”.



L’ultima, “avvelenata”.



PS: Il gadget in foto è andato letteralmente a ruba. Un giorno vi parlerò del dramma delle taglie ai gazebo. Come dire, o tempora o mores.

Commenti (4)

  1. la differenza tra un pensatore e il resto del mondo. grazie camilleri.
    grazie per questo post che dà un filo di respiro… civile!
    mimmo

  2. Camilleri come Croce. Continuo a dirlo. Per alcuni versi, anche meglio. 🙂

  3. Ma il paragone con Croce mi sembra azzardato…Croce si slegò dal regime solo dopo il delitto matteotti….speriamo nn si arrivi a questi punti…e camilleri è molto più avveduto(almeno politicamente)
    UNITI TUTTI IN PIAZZA NAVONA:::::::
    FORZA GUZZANTI

  4. Cohiba mi fa piacere che anche tu eri a Piazza Navona….come noi…., a me ciò che sembra azzardato è “Forza Guzzanti”.

Lascia un commento