Marino tiene nonostante il ZTL-Gate, perchè?

di Alba D'Alberto Commenta

Il Campidoglio è in difficoltà, come del resto è la situazione dall’inizio dell’era Marino che non è mai riuscito a tenere sotto controllo il consiglio e la giunta. Adesso però, alla prova dello ZTL-gate, la sua maggioranza regge.

In una conferenza stampa il senatore Augello aveva avanzato dei dubbi riguardo la denuncia del sindaco Marino che dichiarava un’intrusione nel sistema informatico del comune finalizzato all’eliminazione del suo permesso ZTL. All’inizio è girata la voce che il sindaco di Roma stesse per dimettersi ma nella realtà erano solo voci, come quelle legate alle dimissioni di Napolitano o papa Francesco. I capigruppo dei maggioranza, infatti, nella serata di ieri hanno fatto sapere che appoggeranno Marino.

Ignazio Marino è in difficoltà, è innegabile. Il senatore NCD Augello ha smentito la versione del sindaco sul pirataggio informatico ai danni del sistema di gestione dei permessi ZTL e la situazione del Medico si è notevolmente complicata. Il Primo cittadino di Roma ha convocato una riunione della maggioranza dove erano presenti Panecaldo, Peciola, e l’assessore alla scuola Cattoi. E così è arrivata la nota dei capigruppo della maggioranza che stanno proteggendo il Sindaco anche se sulla questione ZTL non fanno chiarezza:

È del tutto evidente che il sindaco di Roma è bersaglio di un attacco politico a fronte di una mera dimenticanza amministrativa degli uffici competenti, nel processo di rinnovo del permesso di accesso allo ztl. I capigruppo e il coordinatore di maggioranza, respingono con forza e decisione il tentativo della destra di sminuire il nuovo corso impresso dal sindaco Marino all’insegna della trasparenza e della difesa degli interessi di Roma e dei romani. Saranno le autorità competenti ad accertare ogni eventuale responsabilità su quanto accaduto.

Si cerca di politicizzare la questione ma le multe non pagate restano e anche l’immagine poco credibile di Marino, amplificata da Facebook.

//

Nella realtà pare che Marino abbia un permesso generale per transitare e sostare anche a pagamento nelle zone ZTL per motivi istituzionali ma non abbia un permesso ZTL per motivi personali. Ecco perché qualche volta il permesso appare nelle schermate prodotte dal sistema e qualche volta no, non c’è hacker che tenga davanti alla verità.