Magdi Allam, la conversione, l’islam

di IsayStaff 1



Il tradimento di Magdi Allam si è consumato. Sarà duro dirlo, ma tale già appare da tempo la parabola un po’ bizzarra di questo giornalista venuto dall’Egitto e vicedirettore del Corriere della Sera.


La notizia ha atto scalpore, e ha già fatto il giro dei maggiori media internazionali.
Il sito della Cnn-Europa la riportava già in piena notte. Poi sono arrivati gli americani di Drudgereport. A seguire, la Bbc, il New York Times e il Washington Post.


Magdi Allam si è convertito al cattolicesimo. E la notizia ha fatto il giro del mondo. Durante la Veglia pasquale il Papa gli ha impartito il battesimo. Il vicedirettore del Corriere ha poi anche assunto il nome di Cristiano.

La mia conversione al cattolicesimo è i punto di approdo di una graduale meditazione. Ho raggiunto la consapevolezza che la radice del male è insita in un islam che è fisiologicamente violento e storicamente conflittuale

Il giornalista ha spiegato le sue ragioni in una lunga lettera sul suo giornale.


Una conversione che, non stupisce, divide. Magdi Allam non è ben visto dagli ambienti radicali e jihadisti. Duramente criticato per il suo appoggio ad Israele e alla politica dell’amministrazione americana, ora si converte ad altra religione – ed è ben noto cosa ciò implichi nell’integralismo islamico – e spacca letteralmente la comunità islamica in Italia.


Non c’era nessun bisogno, per dimostrare l’amore per Gesù, di rinnegare l’amore e la fede per il profeta Mohammed. I musulmani hanno, all’interno della loro dottrina, il riconoscimento più alto della figura di Cristo e della Vergine Maria”.

Parole amare giungono dall’imam Yahya Pallavicini, vicepresidente della Comunità Religiosa Islamica. Che continua:

non capisco il perché della scelta di rinnegare la tradizione del messaggio islamico: qualsiasi apostasia è vista con forte perplessità


E’ che le parole della lettera, al di là di quelli che sono stati poi i commenti – ne sono arrivati di dur, ma anche di moderati – sono ben chiare e implicanti. Fin dal titolo dell’articolo:

Il battesimo come uscita dall’oscurantismo e dalla violenza dell’Islam


Conversione significativa e a forte impatto mediatico, nonché precisa presa di posizione. Così è ripreso e rilanciato oggi, dai media spagnoli, il senso della conversione di Magdi. Che ha, si ripete, abbandonato l’Islam

perchè il suo spirito si è liberato dall’oscurantismo, da un’ideologia che legittima la menzogna, una religione fisiologicamnete violenta e storicamente conflittuale

Impossibile, certo. Ma doveva trattarsi di un fatto privato. Così non è stato, con tutto ciò che il risalto mediatico comporta e comporterà.

Commenti (1)

Lascia un commento