Macabro ritorno per lo sceicco Nasrallah

di Angela Gennaro Commenta



E’ tornato ad apparire in pubblico, lo sceicco Hassan Nasrallah. E per farlo, ha scelto un ritorno dallo stile macabro. Hezbollah sarebbe in possesso delle teste e di parti del corpo di soldati israeliani, i cui resti sarebberi stati abbandonati dai compagni.


E’ riapparso oggi al pubblico, il leader della milizia sciita libanese. Era uscito di scena da più di un anno. E oggi, alla periferia meridionale di Beirut, roccaforte Hezbollah, ha fatto la macabra rivelazione. La sua ricomparsa coincide con le celebrazioni per la festività della Ashura, importante data del calendario sciita. Lo sceicco oggi è tornato, e si è subito collocato alla testa del corteo che vedeva fedeli per decine di migliaia.

Tel Aviv. Nel luglio 2006 vennero arrestati due militari: il fatto causò un violento conflitto nella parte meridionale del Libano. 34 giorni di lotte e più di 1.200 civili morti, così composti: bambini, per un terzo, e 160 soldati israeliani. Ora la rivelazione terribile dello sceicco ritornato alle luci della ribalta: Abbiamo le teste, le mani, i piedi e persino un cadavere quasi intatto, integro dalla testa al bacino. L’Esercito israeliano ha lasciato dietro di sè i corpi di un largo numero di soldati.


Hezbollah e Nasrallah lanciano la sfida. Per il Libano, non verrà accettato nè tollerato alcun piano di pace cedevole. L’unica via paventata è quella della resistenza.


La folla lo seguiva, lo ascoltava, lo incitava, oggi. La folla era dalla sua parte. Annuncio che le nostre forze sono in massima allerta per affrontare qualunque possibile guerra contro il Libano. Nessuna concessione, poi, ad Israele. Solo minacce e dichiarazioni di guerra: Se dovesse compiere una nuova aggressione ai nostri danni, promettiamo una rappresaglia in una guerra che modificherà l’intera mappa della regione.


Aut aut. Se Israele persisterà nel violare lo spazio aereo del Libano, e continuerà, questa l’accusa di Nasrallah, a sequestrare contadini nella zona meridionale del Paese, la risposta è solo una: Sapremo come rispondere.


Lo sceicco del Partito di Dio non dimentica la Palestina e Gaza. Non accetteremo questa oppressione ai danni del popolo palestinese. Chiedo alla nazione araba di sostenere il loro movimento di resistenza militarmente e finanziariamente per contrastare il massacro di Bush del popolo di Gaza. Nessuna trattativa. Solo una sanguinosa sfida.


Lascia un commento