Emergency torna a Lashkar-Gah: riapre il centro chirurgico afghano

di Joel 1

Gli avvenimenti dello scorso 10 aprile sono ancora attuali: l’ospedale (centro chirurgico) afghano di Emergency a Lashkar-gah venne chiuso perchè al suo interno furono ritrovate armi. Non solo: tre volontari italiani che lavoravano nella struttura (Matteo Dell’Aira, Marco Garatti e Matteo Pagani Guazzugli Bonaiuti) erano stati fermati con l’accusa di tramare con i talebani. A conti fatti, una trappola ordita contro l’organizzazione di Gino Strada che, dopo l’intervento delle Istituzioni nazionali ed europee nonchè dell’Onu, esce linda e pulita da ogni accusa. Si arriva al 29 luglio: il centro riapre e la comunicazione arriva dai vertici di Emergency tramite missiva.

Cari amici,
siamo molto felici di annunciarvi che giovedì 29 luglio abbiamo riaperto il Centro chirurgico di Lashkar-Gah.
Un giornalista ci ha chiesto “Perché?“. Ma la risposta la sapete già: perché è il nostro lavoro, perché quell’ospedale serve, perché è l’unica struttura gratuita nella regione, perché quell’area è teatro di una guerra sempre più violenta, perché i 70 letti delle corsie – da quando è stato aperto e fino al giorno della sua forzata chiusura il 10 aprile scorso – sono sempre stati pieni. Perché la popolazione ne ha bisogno: e noi non abbiamo bisogno di altri perché.
Ancora grazie per il vostro sostegno.
A presto,
Cecilia Strada
Presidente di Emergency


A rimettere piede nella struttura per scrivere – testuale, alla Gino Strada – “una pagina nuova a partire da una bella giornata“, una squadra composta da un chirurgo, due infermieri, un logista internazionale e 140 afghani (personale medico, amministrativo e ausiliario). Accolte dal governatore della provincia locale ogni richiesta dell’Associazione: libero accesso per tutti i feriti, rispetto dell’ospedale da parte di tutti in quanto luogo neutrale dove non si esercita violenza, nessun controllo di forze militari, ingresso privo di filtri.

Ancora Strada: “La forza determinante è stata la società civile afgana, con la sua struttura, le sue rappresentanze, il Consiglio degli anziani, il rappresentante del villaggio. In queste settimane abbiamo continuato a ricevere lettere e petizioni firmate dai leader di questa zona, molto belle, con la firma che era l’impronta digitale del pollice o dell’indice e con una foto appiccicata, perché chi firmava fosse riconoscibile. Siamo contenti perché la gente di qua entro la fine della settimana riuscirà ad avere l’unico ospedale degno di avere questo nome. Ci saranno meno morti e meno feriti abbandonati. Questa è la vittoria vera“.

Commenti (1)

Lascia un commento