Delega fiscale bloccata al Senato

di Roberto Rossi Commenta

 Il Senato ha scelto di rinviare in commissione Finanze la delega fiscale. Una decisione giunta nel momento in cui Palazzo Madama avrebbe dovuto approvare il provvedimento, e che invece rischia ora di esser coinvolta in iter in grado di allungare i tempi e ridurre la portata delle innovazioni. Il rischio (oramai, una certezza) è che il governo a questo punto non riesca a trarre benefici dalla delega, visto e considerato che – anche in caso di accelerazione di tutti i termini – non avrebbe più giorni utili per poter esercitare le deleghe prima della fine della legislatura. Ma a quali norme stiamo rinunciando?

All’interno della delega avrebbe dovuto confluire una innovazione relativa alle incentivazioni per la richiesta degli scontrini e delle ricevute da parte dei cittadini, prevalentemente in quei settori dove l’evasione era più alta, e la riforma del catasto – con invarianza di aggravi per l’Imu, ma con determinazione dei nuovi valori degli immobili.

Per il mondo produttivo e delle imprese sono a serio rischio le rateazioni e i premi alle imprese più virtuose, e la revisione delle imposizioni sui redditi delle imprese, oltre alle previsioni di regimi di favore per i contribuenti di minori dimensioni, e una tassazione del reddito d’impresa separata da quello dell’imprenditore.

Ancora, saltano gli sconti sulle sanzioni per gli imprenditori che non riescono a pagare le tasse (ma che dovranno comunque garantire la prosecuzione della propria attività imprenditoriale), e la revisione del sistema di agevolazioni fiscali volte a garantire gli istituti di tutela dei redditi da lavoro dipendente e autonomo e delle pensioni.

Provvedimenti di significativa utilità che, tuttavia, non vedranno la luce nel breve termine. Si sarà trattato dell’ennesimo sgambetto parlamentare all’esecutivo Monti (che qui prevede l’insostenibilità del sistema sanitario nazionale), che in vista di un tramonto sta perdendo parte del suo appeal sulle parti politiche, o di una scelta di “rilettura” più accorta delle norme? Che ne pensate?

Lascia un commento