Caso Speciale: Visco, noi ti archiviamo

di Paolo Riva Commenta

Una telenovela degna dei migliori ascolti. Una storia, quella che intreccia le vicissitudini del ex-generale della guardia di Finanza Roberto Speciale e il viceministro dell’economia Vincenzo Visco, che potrebbe benissimo essere romanzata, ma che, almeno per il momento, sembra non avere un finale definitivo.

Avevamo lasciato la situazione ad un punto di stallo. Speciale, dopo aver ottenuto il reintegro alla posizione che deteneva prima dell’inchiesta, aveva indirizzato una lettera al presidente della Repubblica Napolitano, in cui presentava la proprie dimissioni dalla carica, non volendo più collaborare con le persone, che nemmeno 6 mesi prima, lo avevano additato come un criminale. Visco, indagato per abuso di ufficio e per minacce aggravate ad un pubblico ufficiale, si era ritrovato con un supplemento di inchiesta a suo carico di 90 giorni.

In questo periodo, concordato dal Gip Antonino Stipo, le indagini si sarebbero dovute indirizzare verso alcuni alti ufficiali delle Fiamme Gialle. Al termine dei colloqui, il procuratore Giovanni Ferrara e il pm Angelantonio Racanelli sono arrivati ad una conclusione comune.


Archiviazione. Questo è quanto viene chiesto al gip romano, non essendo emersi elementi nei confronti del viceministro, che possano definirlo colpevole. Una procedura, quella di archiviazione, che viene richiesta per la seconda volta alla procura della Roma.

Da parte sua Speciale, nella figura del suo difensore Ugo Longo, ha già fatto sapere che non intende accettare la richiesta di archiviazione e intende opporsi con tutti i mezzi giuridici a sua disposizione per arrivare definitivamente alla verità.

Una verità che purtroppo, e non solo in questo caso, stenta a venire a galla. Eppure, dai fatti accaduti, sembrerebbe facile trarre delle conclusioni, che pare strano i giudici non riescano a vedere. Una storia, quella di Speciale, dal finale già scritto, dove un ex-generale delle forze dell’ordine viene rimesso al suo posto, per non aver commesso i crimini di cui veniva accusato. Se quindi si tratta del caso “Speciale – Visco” e l’ex finanziere è stato dichiarato innocente, secondo voi chi potrebbe essere il colpevole?

La giustizia è cieca, ma dovrebbe essere anche uguale per tutti.

Lascia un commento