Casini ai giovani UdC: “E’ il tempo dell’unità di Governo”

di Joel Commenta

A Jesolo, provincia di Venezia, si è chiusa oggi la scuola di formazione per i giovani Udc con intervento finale del leader del partito Pier Ferdinando Casini il quale, nello stimolare i giovani a intraprendere con passione la volontà di prestare servizio politico per il Paese, ha ribadito come, all’Italia odierna, serva un Governo di unità nazionale che consenta di garantire un armistizio tra le forze di maggioranza e opposizione e che al contempo sappia portare avanti manovre impopolari ma necessarie per risollevare i destini (soprattutto economici) della penisola: “I provvedimenti impopolari che servono al Paese non si riescono a fare perché chi governa ha paura di perdere le prossime elezioni. Allora c’è la necessità di un governo di unità nazionale che abbia un’agenda dolorosa, che affronti le questioni vere di questo Paese e anche di armistizio fra le grandi forze che sono in campo“.

Per Casini, è il momento decisivo per mettere da parte ogni forma di personalismo e pensare alla politica “del fare” con inevitabile punto di partenza nella figura di Silvio Berlusconi, ovvero colui che ha vinto le elezioni. “C’è qualcuno che vorrebbe le larghe intese prescindendo da Berlusconi, come se Berlusconi non dovesse esistere. O peggio, partendo da una politica di larghe convergenze con veto su Berlusconi che è quello che ha vinto le elezioni. Credo che questo sia un percorso irrealistico. E’ chiaro che quando si parla di armistizio tra i partiti si parla anche di un coinvolgimento di tutti: da Berlusconi a Bersani. E’ un ragionamento diverso rispetto a quello fatto fin’ora nel quale tutti sono all’autosufficienza, sono all’esibizionismo, pensano di governare il Paese da soli o magari contro gli altri“.

Lascia un commento