Primarie USA: Sei democratico? Vai ad elemosinare

di Paolo Riva Commenta

Come tutti ben sanno, la ricchezza rende felici, purtroppo però rende felici solo chi la possiede. Tutti gli altri, quelli che stanno bene ma si ritrovano magari a dover frasi i conti in tasca per poter permettersi una pizza in più al mese o per riuscire ad arrivare a fine mese con abbastanza soldi, devono solo stare a guardare con un costante senso di invidia.

E’sempre stato così e sempre lo sarà. Eppure la vita di tutti noi cittadini non è l’unico campo in cui la ricchezza ha una così elevata importanza.

Lo sanno bene quelli del Democratic National Comittee, brutalmente tradotto come il comitato nazionale democratico (o DNC in sigla), che facendosi i conti in tasca per controllare come proseguire la propria campagna elettorale, ha scoperto qualcosa di sensazionale.

Purtroppo per loro però sensazionale in negativo e non in positivo, anche se, in un certo senso, un risultato del genere c’era da aspettarselo.

Secondo il Federal Election Commission, anche in questo facilmente traducibile come la Commissione Federale Elettorale, infatti il DNC avrebbe guadagnato, tramite le raccolte dei donatori durante questa campagna elettorale circa 17,7 milioni di dollari.

Una notizia, questa, che in se potrebbe parere parecchio positiva, quale infatti è. Il problema invece è un altro. Di questi 17,7 milioni di dollari infatti, sempre secondo quanto riporta l’FNC, il Comitato Nazionale Democratico ne avrebbe in mano solo 5,3 milioni. E gli altri che fine hanno fatto?

La risposta si trova facilmente nelle parole di uno degli ufficiali “senior” del DNC:

“Attualmente abbiamo speso troppi soldi per combatterci tra di noi, anziché utilizzarli per combattere i repubblicani. Dovremmo iniziare ad investire per mettere in cattiva luce McCain e il suo partito. E se avessimo più soldi potremmo fare di più. Molto di più”

Insomma, quello che tutti pensano alla fine si sta materializzando nelle casse democratiche, ovvero la lotta interna Hillary – Obama non solo sta avantaggiando McCain, screditando i due candidati democratici, ma sta dilapidando la cassa Dem, lasciandola con sempre meno soldi per il momento in cui serviranno.

E allora già mi immagino Obama o la Clinton, per le vie di Manhattan, con una bombetta appoggiata sulla strada, per raccogliere qualche dollaro al fine di sostenere il proprio partito, ballando sulle note di “When The Saints Go Marching In”.

Lascia un commento