Obama vs McCain: Le paure di Barack

di IsayStaff 6

Quando l’uomo ha fatto la sua discesa sulla Terra, l’Onnipotente, probabilmente per fargli uno scherzo o per riuscire a mettergli i bastoni tra le ruote ogni tanto ha creato una scienza inesatta atta al solo scopo di confondere le idee: la sondaggistica. Da quanti si ricordi nel passato più remoto, quanto ovviamente anche in quello più recente, i sondaggi in grandi occasioni si sono sempre resi presenti e, categoricamente, hanno portato a casa delle bastonate non indifferenti.


Si ricordi solo le ultime elezioni italiane con un Veltroni che addirittura alla chiusura dei seggi pareva essere un vincitore e si è rivelato poi un pesantemente sconfitto. Considerando il fatto che il democratico portava avanti un motto che aveva creato Obama: “Yes, We Can”, ecco che per il candidato democratico alla Casa Bianca iniziano a sentirsi un po’ di paure. “E se dovesse succedere anche a me?”

A rassicurarlo vi sono stati i sondaggi che da settimane a questa parte dimostrano come la fiducia della popolazione verso di lui sia in aumento nonostante l’effetto Palin, nonostante i faccia a faccia (comunque nei quali ha sempre fatto una bella figura), nonostante tutto ciò che di negativo venne detto nei suoi confronti. Tutto questo fino ad oggi. Con la doccia fredda sondaggistica.

Notizia di ieri è infatti che McCain ha guadagnato 1 punto e che sta aumentando il favore di donne e indipendenti rosicando rispettivamente 4 e 10 punti al candidato democratico in quel campo. Obama, improvvisamente, sente l’effetto Veltroni su di se con la serie di mille domande che lo potranno assalire del tipo: “E se i sondaggi stanno sbagliando?”, “E se continuassimo a perdere punti fino al voto?”, “E se Veltroni dicesse che vincerò io sicuro?”.

Di certo il povero Walter mi scuserà se lo uso da spauracchio, eppure in questo Obama vedo molta, forse troppo spavalderia, che a mio parere sta un po’ spaventando il popolo americano. Il popolo ha bisogno di un leader solido per uscire dalla crisi e il “pompamento” (perdonatemi il neologismo) del coloured candidate lo sta rendendo meno cittadino e più politico. Forse sarebbe bene che, per evitare di complicarsi la vita, il buon Obama torni quello che era dall’inizio delle primarie, ovvero quel candidato del popolo con la voglia di salvare l’America con l’America. Ricordatelo Obama: “Yes, We Can”.

Commenti (6)

  1. Vabbé, dai, comparare Veltroni e Obama mi sembra una forzatura. 🙂 Il nostro si è presentato alle urne inciuciando, con un programma che sembrava concordato col PdL, tant’è che secondo me Berlusconi ha vinto perché, dato il programma, è riuscito a imporsi nella mente dei elettori grazie a una differenziazione mediatica (lo strappo del programma del PD, Alitalia, etc., tutte uscite che hanno indubbiamente impressionato).

    Obama, invece, si sta concretamente differenziando dal suo rivale. Insomma, gli strateghi dei democratici non sono gli strateghi del PD.

    Ciò non toglie che le sorprese dalle urne possono tranquillamente arrivare con grande dispiacere dei sondaggisti (mi sembra di averti già parlato della componente razziale che rischia di emergere durante lo spoglio da un oceano all’altro). Su questo mi trovi davvero d’accordo.

    Secondo me, comunque, il ritorno nei sondaggi di McCain è abbastanza fisiologico: la paura delle scorse settimane che aveva avvantaggiato Obama è ormai dimenticata, ormai gli americani si sono abituati ai crolli in borsa.

    Fa comunque impressione che, se i sondaggi fossero i veri voti, Obama avrebbe 109 grandi elettori sopra i 270 richiesti (ovvero Obama batterebbe McCain 379 a 159, +220).

    Non mi sembra, infine, che Veltroni avesse mai avuto un vantaggio simile (anzi, l’ultimo sondaggio disponibile dava Berlusconi vincente con uno scarto fra 5 e 9 punti http://www.corriere.it/politica/08_marzo_28/berlusconi_sondaggi_5d931a0c-fcef-11dc-baaf-00144f486ba6.shtml ). Va anche detto che in Italia abbiamo due settimane di blackout nei sondaggi, durante le quali i sondaggi avrebbero potuto rispecchiare meglio la realtà, blackout che, invece, manca negli USA.

  2. @Tooby: Sempre prontissimo sui sondaggi, mi piace vedere una persona cosi avvezza e precisa sui numeri. :-). Beh lo stesso Obama, sinceramente, a me non è che abbia fatto impazzire sulla questione della crisi finanziaria. Mi sarei aspettato una posizione più forte e dominante, per piazzare la stoccata vincente ENTRANDO nei cuori degli americani. La sua risposta è stata invece di bassissimo profilo DANDO RAGIONE ad un programma che, comunque se ne voglia dire, è di matrice repubblicana (al governo stanno loro). Secondo me la gente sta iniziando a mandare giu la crisi, come anche tu hai detto, e secondo me con le mosse giuste McCain potrebbe anche arrivare a giocarsela da sfavorito, ma giocarsela. Il fatto è il buon John avrà ancora voglia di lottare o si sente già sconfitto?

  3. Ma anche su molte altre cose: Obama fa grandi proclami, ma in concreto non ha ancora detto niente. «Faremo questo, faremo quello, faremo boh». E infatti avrebbe dovuto battere il ferro caldo, ricordare Bush, il presidente più odiato della storia.

    Sul piano, Obama lo ha votato per non sembrare antiamericano, visto che il piano doveva salvare l’America, ma non pochi ne hanno denunciato i difetti (anzi, gli abominii). Hansen ( http://robertghansen.blogspot.com/ ) ricordava che (cito l’intervista): «in quella norma c’è un taglio delle tasse per i corsi di tiro con l’arco per i bambini o per chi ha malattie neurologiche», per un totale di cento miliardi di «assurdi privilegi». Il piano è diventato un «assalto alla diligenza», è repubblicano solo sulla carta. E Obama se ne è reso corresponsabile. Per questo ha perso il treno della crisi finanziaria e ora McCain recupera. Adesso ha mandato in onda uno spot in cui parla in spagnolo per accaparrarsi le minoranze, perché la differenziazione fra i bianchi va scemando.

    Adesso più che mai aleggia lo spettro dell’effetto Bradley.

    (A margine, a me sembra di vedere una campagna elettorale degli orrori: di là Obama si perde per strada, di qua c’è la Palin sulla quale risparmio gli aggettivi, McCain è stato descritto meravigliosamente da questo tizio http://www.7yearwinter.com/2008/10/dentro-i-repubblicani/ – Biden non so che fine abbia fatto… per quanto mi riguarda i giochi sono apertissimi – a meno che, come hai fatto notare, anche McCain si arrenda e inviti a votare Obama 😉 ).

    Ah, secondo il Forecast, Obama è in calo un po’ ovunque e ha perso 17 grandi elettori in un giorno solo. Ci sarà ancora molto da scrivere e mi farà piacere leggerti. 🙂

  4. @Tooby: Innanzitutto grazie mille per tutti i complimenti. Per quanto riguarda Biden, beh, conoscendo il personaggio lo avranno fatto sparire in qualche soffitta con la speranza che da là non esca. Dopo l’annuncio che con Obama presidente arriverà subito il primo grande problema per l’America… meglio farlo sparire. Secondo me è la pochezza che è inquietante, non si rischia e sinceramente non comprendo il motivo. Pare quasi che, qualsiasi sia la strada da prendere le cose, comunque, non cambieranno o meglio saranno le stesse. Un’opinione abbastanza triste che però ho iniziato a percepire nel momento in cui Obama ha firmato il patto anti-crisi repubblicano senza tanti ma. Fatto sta che McCain, SENZA FARE NIENTE, sta recuperando… cosa potrà mai dire?

  5. Che rischiano di essere elezioni ponte: o McCain si fa quattro anni di vacanza in Pennsylvania Av. prolungando l’era Bush (perché credo che sia l’unica cosa che possa fare), o Obama passa quattro anni a tentare di fare le cose promesse, con il rischio che, se non ci riesce, si riaprano i giochi nel 2012. È possibile che gli statunitensi se ne stiano accorgendo guardando dove sta deviando questa campagna.

    Il risultato sarebbe quattro anni persi. E probabilmente il colpo di grazia per gli USA.

  6. @Tooby: In effetti mi trovo concorde. Dalla campagna elettorale che si sta portando avanti in questa presidenziale sembra quasi che il candidato non si faccia avanti per…lasciare il posto all’avversario. chi entrerà alla White House avrà la vita dura per non dure impossibile. E forse è anche per quello che nessuno si sta impegnando cosi tanto per entrarci, lasciando al pubblico la scelta.

Lascia un commento