USA – Iraq: Fuori Tutti entro il 2011

di Paolo Riva 2

Ennesima data fasulla? Ulteriore obiettivo prefissato e non raggiunto? Nuova promessa che non verrà mantenuta? Queste sono le domande che, leggendo del nuovo accordo tra Iraq e USA sulla partenza delle truppe americane dal paese mediorientale, mi sono sorte. Tutto questo mentre i miei pensieri ricordavano la guerra lampo e affini.

Una guerra che era prima una caccia a Bin Laden, poi a Saddam e quindi all’Iran e fortunatamente a niente più. L’Iraq ha messo i paletti legislativi con un decreto che conferma l’intenzione entro il 2011 di far lasciare il presidio ai soldati americani, forti anche di un futuro appoggio ad Obama.

Sinceramente dopo tanti anni di promesse fasulle sono abbastanza scettico sulla riuscita dell’accordo, anche se il futuro abbronzato di Obama mi fa ben sperare. Forse, per una volta, quello che è stato detto e scritto diverrà effettivamente realtà.

Commenti (2)

  1. Credo che l’accordo sia l’ultimo colpo di coda dell’amministrazione Bush, in modo da far passare alla storia che il ritiro lo ha voluto questo presidente e non il suo successore. Visto che Obama dovrà comunque farlo (l’Iraq è stato uno dei cardini della campagna elettorale), tanto vale cercare di salvare la faccia.

    Forse sono troppo caustico? L’importante, credo in ogni caso, è uscire da quel ginepraio.

  2. Credo che l’1% della popolazione oggi e in futuro considererà l’abbandono dall’Iraq un’iniziativa dell’amministrazione Bush. Non credo si avranno questi scenari, anche perchè ritengo che le cavolate fatte da George in quello scenario rimarranno nel suo curriculum storico per l’eternità.

Lascia un commento