Iraq: Troppe promesse da marinaio

di IsayStaff Commenta

Una volta erano loro, i marinai, i grandi realizzatori di promesse non mantenute. Giungevano ad un porto, magari trafiggevano d’amor il cuore di una bella donzella promettendole di stare per sempre al suo fianco, ed improvvisamente fuggivano sulla prima barca. La motivazione era che lontano dal mare loro non potevano stare, la verità forse era che il peso da “legato” risultava troppo eccessivo.

Da provetti marinai, anche i leader delle grandi potenze mondiali che occupano l’Iraq, si dannano nelle parole più lodevoli al fine di far credere al popolo iracheno e all’opinione pubblica internazionale che l’addio dalla ex terra di Saddam è vicino. La nuova promessa, fatta da Gordon Brown, è che verso la metà del 2009 dovrebbe arrivare la partenza definitiva.

Una promessa come tante altre, un seguito inarrestabile di parole su parole, che troppo spesso sono state sprecate senza pensare effettivamente a chi, questa situazione, magari la vive veramente e che spera un giorno di poter divenire libero. Perchè la libertà non è passare da una schiavitù ad un altra, ma rendere ad un paese la possibilità di scegliere del proprio destino.

Lascia un commento