Tieni il cane? E ti tirano le pietre (anzi no 30 frustate)

di Paolo Riva 1

Quanti di voi si ricordano di Antoine e del suo famoso motivetto, divenuto leggenda? Quella canzoncina che diceva “Se sei ricco, ti tirano le pietre. Se sei povero, ti tirano le pietre. Ovunque tu andrai, qualunque cosa fai, sempre pietre in faccia prenderai!”.

Ora con un po’ di fantasia, non che ce ne voglia molta per la verità, provate a cambiare le pietre con 30 frustate. Direte voi, che malvagità, bastavano le pietre. Evidentemente non è così in tutti i paesi, come ad esempio l’Iran. Certo da un paese “democratico” come quello che governa Mahmoud Ahmadinejad ci possiamo aspettare questo e altro. Purtroppo però non è finita qui.

In fondo 30 frustate le darei anche io al pedofilo che è salito alle cronache televisive nemmeno qualche giorno fa (e scusate l’off topic ma spero vivamente nella castrazione chimica), ora vediamo come un anziano di 70 anni si è guadagnato le 30 frustate, alle quali vanno aggiunti anche quattro mesi di detenzione in carcere. Insomma una pena da “libidine coi fiocchi”. E tutto questo per avere portato a spasso per le strade della città un cane.

Ora immaginatevi voi, questo anziano signore, per le vie di Teheran che viene affiancato dai poliziotti iraniani che lo prendono in stato di arresto e lo portano in commissariato per formalizzargli la condanna. Sicuramente avrà fatto qualcosa questo anziano con il cane: avrà fatto fare popò al cane in giro per strada, avrà azzannato qualche bambino, avrà fatto dei furtarelli. Assolutamente no. La pena è stata data solo ed esclusivamente perchè passeggiava con il cane.

Il fatto è che la legge islamica negli ultimi giorni sta facendo un chiaro giro di vite contro gli animali domestici, ritenendoli degli esseri impuri e come tali vanno puniti i loro possessori, con pene decisamente troppo severe come quella data al povero anziano.

Nonostante gli avvisi e appunto questa pena esemplare, i possessori di cani e gatti domestici si disinteressano degli avvisi della legge islamica e continuano a portare i loro giovani amici a 4 zampe per le strade, sfidando i continui avvertimenti della polizia.

Già fino a qui, sembrerebbe davvero tutto un’assurdità. Ma sappiamo anche bene che non può essere così. Diamine è l’Iran, sono riusciti a combinare davvero così poco. In effetti c’è una piccola curiosità. Non meno di qualche settimana fa, Ahmadinejad ha acquistato per la propria difesa personale ben 4 cani di razza tedesca per il valore di 110 mila euro l’uno. Chiaramente per questi cani è stata emessa una speciale fatwa che legalizza la loro situazione di “servi dello stato”.

A questo punto mi viene solo voglia di fare un appello: “Cani dell’Iran, arruolatevi nell’esercito!”

Commenti (1)

  1. se siete di tendenze politiche sinistrorse perche’ vi meravigliate di cio’ che fanno coloro che difendete a spada tratta per reclutarne consensi??? se siete di tendenza piu’ destrorsa possiamo condannare tutti insieme l’accaduto e smettere di comperare il petrolio dai paesi arabi…… se siete persone intelligenti smettiamo di pensare che a destra o a sinistra ci siano le soluzioni dei problemi del mondo e cominciamo a incazzarci per le ingiustizie tutte, ma iniziamo da casa nostra!!!!!! c’e’ tanto da fare prima di tutto qui…..

Lascia un commento