Santoro – Borromeo, il gossip alla riscossa. Rispunta anche Lapo

di Redazione Commenta

Nuova ondata di sexy scandali, titola il Giornale oggi con tanto di faccione di Michele Santoro in prima nell’edizione cartacea. E per tutt’oggi il tam tam della rete si è interrogato. In sostanza parte tutto da Fabrizio Corona, condannato a 3 anni e 8 mesi nei mesi scorsi. Bene, la Procura avrebbe aperto nuovamente tutto il filone d’inchiesta. Coinvolti, dice il Giornale, molti vip. Della politica, delle istituzioni, tra i giornalisti. Già, perchè il Giornale parla della possibilità che, dopo aver ospitato Patrizia D’Addario ad Annozero ed aver sostanzialmente “cavalcato” lo scandalo che ha coinvolto Silvio Berlusconi, ora in giro ci sarebbero foto compromettenti di Michele Santoro con l’ex valletta-giornalista del suo programma, la nobile Beatrice Borromeo.

Su di loro, media e blogosfera si erano già scatenati nel “lontano” 2008. Con tanto di interventi del di lei avvocato. Il gossip va sempre in Italia. Sempre di più, a colmare forse il vuoto di contenuti lasciato altrimenti dalla politica?

Poi in giornata il susseguirsi di notizie. Si è parlato di un politico di centrodestra coinvolto in una richiesta di soldi a fronte di foto compromettenti. E la notizia è fresca fresca: il foto-ricatto in questione, del valore di ben 300mila euro al centro della nuova inchiesta milanese, sarebbe stato compiuto ai danni di Lapo Elkann e riguarderebbe fotografie compromettenti. Lo dice, ade esempio, il sito di Repubblica. La notizia sarebbe stata appresa al Palazzo di giustizia. Le indagini sono seguite e coordinate dal pubblico ministero Frank Di Maio.

E di nuovo, quelle foto avrebbero a che vedere con delle istantanee collegate al tristemente famoso accaduto del 2005, il ricovero per overdose dopo una serata trascorsa con un transessuale. Un’esperienza che Lapo aveva poi raccontato al mondo, definendola un errore.

La parte più dura in assoluto è stato il risveglio perché ero in ospedale e mi sono svegliato vedendo che un giovane della mia stessa età è morto per la stessa “cosa” mia.

Fabrizio Corona, per l’imputazione correlata all’ipotesi di tentata estorsione ai danni di Lapo, è stato prosciolto.

Lascia un commento