Europee 2009, oggi e domani si vota

di Angela Gennaro 4

Siamo pronti. Anzi, siamo già in corsa. Tutta Europa vota per il rinnovo del proprio Parlamento.  Si vota da oggi alle 15, fino alle 22,e domani dalle 7 alle 22. Aperti i seggi per europee e amministrative. E in Veneto, è duello tra Lega e Pdl.  Dappertutto – anche in ragione delle amministrative – questa tornata elettorale è un vero e proprio test per quel che resta del partiti di casa nostra. E come di consueto, per Pd e Pdl.

Dappertutto, ma in particolar modo in Italia, il voto di oggi e domani assume un carattere e una carica simbolica e implicante. In questo momento storico, il Belpaese è alle prese con quello che potrebbe essere un bivio. Potrebbe.

Commenti (4)

  1. La sinistra è ormai senza faccia Non è solo il gossip ad aver contrassegnato la campagna elettorale per le europee che si chiude oggi. E’ anche la contrapposizione tra il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi alla guida di una coalizione di governo unita ed una opposizione divisa in tante fazioni e caratterizzata dall’assenza di un personaggio di spicco in grado di fare da collante all’antiberlusconismo . E il Cavaliere ringrazia…

  2. La posta in gioco
    Scritto da Fabio Raja (alias lupodellasteppa)

    A partire dal ciclone di “mani pulite”, la sinistra italiana ha maturato poche ma salde convinzioni.
    La prima è che essa non è, e probabilmente mai lo sarà, maggioranza nel paese.
    Per superare questo handicap, i partiti di sinistra dettero vita alla “grossa coalizione” che cercò di unire il possibile e l’improbabile: dai vetero-comunisti ai liberali, dai radicali laicisti ai cattolici fondamentalisti, dai trotzkisti ai riformisti, da Di Pietro a Mastella. Scoprirono di poter vincere le elezioni, anche se di strettissima misura, ma di non poter governare il paese. I disastri, d’immagine e sostanza, del Governo Prodi e la caduta verticale del consenso all’interno del loro stesso elettorato, li convinsero ad accelerare sul progetto dell’unificazione per dar vita al Partito Democratico.
    Spente le luci su quel mirabolante spot pubblicitario che fu dell’incoronamento di Veltroni, il buon Walter, si rese conto che, con Prodi premier, la sua leadership non aveva significato e, parallelamente, senza una “discontinuità” nell’azione del Governo, lo stesso PD sarebbe rapidamente finito nel novero delle cose inutili. Da qui la famosa “vocazione maggioritaria”, vero e proprio colpo di pistola alla nuca di Romano Prodi e del suo governo.
    Veltroni auspicava un governo di transizione (ricordate il famoso governo Marini che doveva fare la riforma del sistema elettorale, senza la quale il paese sarebbe precipitato nell’ingovernabilità e nel caos?) per prender tempo e far sbiadire il ricordo del Governo dell’Ulivo.
    Ma il giochetto non riuscì e, costretto a misurarsi nelle urne con il centrodestra, il PD sperò che Casini potesse sottrarre qualche voto al Cavaliere e soprattutto si augurò che la rottura consumata con l’estrema sinistra potesse consentirgli di pescare voti tra quei moderati non del tutto entusiasti delle gesta del Cavaliere.
    Il risultato delle politiche del 2008, e soprattutto quello delle successive amministrative, hanno regalato al centrosinistra la seconda certezza: fino a che Berlusconi sarà in sella, il PD non può sperare nel voto dei moderati ed anzi deve cercare di arginare la fuga delle classi popolari verso il centrodestra.
    Queste due certezze hanno tolto ogni residua illusione di tornare a governare il paese nei prossimi anni e costretto il PD a giocare sulla difensiva per cercare di limitare i danni e, soprattutto, non perdere il controllo delle amministrazioni locali che attraverso le varie società partecipate, fondazioni e sanità, rappresentano il cardine del sistema clientelare e d’affari, vera spina dorsale del potere della sinistra sul territorio.
    Il Presidente Napolitano si è lamentato dell’asprezza della campagna elettorale, Berlusconi denuncia aggressioni alla vita privata e imbarbarimento della lotta politica, ma la posta in gioco è altissima: è la sopravvivenza dell’apparato clientelare, del blocco d’interessi affaristici e di potere della sinistra. Vi sono parti del territorio della Repubblica amministrate da decenni dalla sinistra, non perché (o almeno non solo perché) ben governate, ma a causa dell’esistenza di un blocco di interessi così complesso, articolato e diffuso, da rendere la qualità della democrazia in quelle parti d’Italia, direbbe Franceschini, veramente scadente. Valga per tutte l’esempio della Campania e del Comune di Napoli, dove nonostante un fallimento di proporzioni drammatiche, la sinistra ha potuto governare per decenni.
    Il vero test per la sinistra saranno non i risultati del Parlamento Europeo, ma il numero delle amministrazioni locali che riuscirà a conservare: su queste si gioca il futuro non solo del PD, ma di quel che resta della sinistra italiana.

  3. CHE SQUALLORE LA SINISTRA !!!!! QUESTA NON é DIALETTICA POLITICA E’ PURA OFFESA DELLA DIGNITA’ UMANA.
    LEGGETE GIUSTO PER CAPIRE QUANTO LA SINISTRA SIA CADUTA IN BASSO :
    Roma, 6 giu. (Adnkronos) – “Avviso a tutte le minorenni: se vi telefona uno e dice che si chiama papi, avvertite subito i carabinieri”. E’ il testo del volantino firmato da Umberto Sereni, sindaco di centrosinistra di Barga, paesino in provincia di Lucca, diffuso con l’intestazione ‘Comune Informa’ e il simbolo di un ‘Comitato per la difesa della giovane’. L’iniziativa è destinata a suscitare polemiche in questi giorni di campagna elettorale, perché è evidente il riferimento al premier Silvio Berlusconi. Il sindaco Sereni, giunto alla scadenza del secondo mandato, conferma tutto, e si limita a dire: ”Il Comitato l’ho promosso, come ho fatto anche con altre iniziative, perché bisogna difendere la gioventu”’.
    Critica la consigliera regionale del Pdl, Giuliana Baudone: ”Non volevo crederci, quando me l’hanno fatto vedere, ma il volantino che il comune di Barga, firmato dal sindaco Sereni, che associa il nomignolo papi, chiaramente riferito a Berlusconi, a un avviso alle minorenni, è rivoltante – afferma la Baudone -. Un’amministrazione comunale che esce da dieci anni di governo e affida il volantino finale a una tale volgarità è un gesto che qualifica un atteggiamento, quello della sinistra che è incapace di proposte e lavora solo sulla denigrazione delle persone”.

  4. @ giovane elettore:
    bravo GIOVANE ELETTORE!
    Datti da fare per diffondere le meschinità di questa sinistra!

Lascia un commento