Annozero, “farabutti” in onda

di Angela Gennaro 1

Travaglio sì, Travaglio no. Annozero sì, tra polemiche durate giorni, settimane, anni. Dopo giorni di polemiche, Annozero torna in tv su Rai 2. “Comunque la pensiate siamo qui”, esordisce Michele Santoro. “E tranquilli perché con noi c’è, senza contratto ma c’è, anche Marco Travaglio e le cose si sistemeranno”.

Santoro naturalmente ha da dire:

I numeri non sono tutto, non abbiamo un imperatore, abbiamo un presidente del consiglio eletto democraticamente,abbiamo diritto ad ascoltare il nostro cuore e la nostra coscienza

Cita anche un’omelia del cardinal Bagnasco e fa vedere il Presidente del consiglio Silvio Berlusconi a Porta a Porta mentre attacca alcuni programmi Rai.

La puntata? Si presenta così: C’è un pericolo per la libertà di espressione in Italia? Ci sono domande proibite? Ci sono giornalisti indesiderati e trasmissioni all’indice? Si chiama “Farabutti” la prima puntata di Annozero che torna questa sera alle 21 su Raidue. Ospiti di Michele Santoro il segretario del Pd Dario Franceschini, il deputato del Pdl Italo Bocchino, il direttore di Libero Maurizio Belpietro, il direttore de L’Unità Concita De Gregorio e il giornalista Enrico Mentana. I servizi di questa puntata sono realizzati da Corrado Formigli e Luca Bertazzoni. Grande attesa per l’editoriale di Marco Travaglio e le vignette di Vauro.

Abbiamo diritto ad essere diversi. Che non vuol dire essere contro ma vuol dire che coltivare la nostra diversità sia d’aiuto alla democrazia

Tuona Santoro.

La Rai è l’azienda in cui mi onoro di lavorare, e mi chiedo che cosa sarebbe la Rai senza Report, senza Ballarò, senza Annozero

Su Report sottoscrivo in pieno. Su Ballarò anche, fosse solo per Maurizio Crozza. Santoro, purtroppo, fa a sua volta il suo gioco. Questa è l’impressione. Comunque, qui spiegano perché “la Rai rischia grosso con Travaglio”. Mentre una grande confusione concettuale regna sovrana e incontrastata, indifferentemente tra controllori, fautori e utilizzatori finali.

Commenti (1)

Lascia un commento