Sospesa condanna Sakineh: i figli l’hanno perdonata

di D. Spagnoletto Commenta

Foto La Presse

Sospensione condanna Sakineh. L’Iran sospende l’impiccagione della donna, condannata per adulterio e complicità nell’omicidio del marito. A rivelarlo è il presidente della Commissione parlamentare della Repubblica islamica per i diretti umani Zohre Elahian in una missiva inviata alla neo presidente brasiliano Dilma Rousseff.

Nella lettera si legge che: “Sebbene la sentenza di lapidazione non sia stata ancora finalizzata, la sentenza di impiccagione è stata sospesa per il perdono” dei figli. A Sakineh, che dovrà scontare dieci anni di prigione, l’ex presidente sudamericano Lula aveva offerto asilo politico, richiesta, che Teheran aveva rispedito al mittente.

Lascia un commento