La Cassazione oscura i siti che violano il diritto d’autore

di D. Spagnoletto Commenta

 La Corte di Cassazione ha stabilito che i giudici si possono imporre agli Internet provider di oscurare i siti che infrangono le leggi sul diritto d’autore. Il coordinatore del Centro Studi per la protezione dei diritti degli autori e della libertà di informazione, Tullio Camiglieri, commenta così la sentenza depositata il 24 dicembre scorso:

Anche la nostra magistratura, con una sentenza che farà giurisprudenza, si allinea a quella di altri Paesi Europei nel perseguire i siti che favoriscono la pirateria on line. La sentenza, depositata la Vigilia di Natale, è un altro passo del nostro paese verso la legalità. Da oggi i magistrati potranno imporre agli Internet Provider italiani di impedire l’accesso a tutti quei siti, italiani o stranieri, che violano le leggi sulla proprietà intellettuale e il diritto di autore. Oltre ai siti di gioco on line e pedopornografici, già resi inaccessibili, una nuova lunga lista di siti sta per essere oscurata.

Confidiamo che sia finalmente iniziata una stagione nuova di tutela della nostra industria culturale, dal cinema ai giornali, dalla televisione alla musica e ai libri. È in gioco il futuro di un milione di lavoratori e la stessa libertà di informazione. Senza i ricavi, infatti, non ci saranno più investimenti e non avrà più senso destinare risorse economiche alla realizzazione di un film, di un documentario, di un nuovo giornale o di una produzione musicale.

Lascia un commento