Rom: La schedatura inizia dalle impronte

di Paolo Riva Commenta

50000 sono i bambini rom, compresi tra i 6 e i 14 anni, che secondo le stime del governo vivono in Italia. Solo 14000 quelli regolarmente iscritti a scuola. Un dato allarmante che ha contribuito alla necessità di dover “schedare” tutti i bambini rom e dargli una “posizione italiana”.

Un riconoscimento che, secondo il ministro Maroni, deve avvenire con le impronte digitali, fatto aspramente criticato da “Famiglia Cristiana” contraria a questa legge, definendola “fascista”. Voi credete sia giusto prendere le impronte ai bambini rom?

Lascia un commento