Pedaggio GRA, è guerra nel PdL. Giusto farlo pagare?

di Michele Laganà 1

Foto: AP/LaPresse

Un altro fronte causa di scontro interno nel PDL è sicuramente la legge sul pedaggio del GRA. Da mesi orami, Polverini, Alemanno e Zingharetti, stanno portando avanti la loro lotta contro quella che sembra una delle leggi più assurde mai viste in questi ultimi anni. Castelli, dichiara che sul GRA il pedaggio andrà pagato, mentre Alemanno inizia la sua lotta contro questa follia.

La risposta di Alemanno alle ultime dichiarazioni di Castelli è stata netta “È inutile che Castelli si arrampichi sugli specchi. – ed aggiunge – È inutile che Castelli si arrampichi sugli specchi.” Sicuro di sé e dell’appoggio che ormai la Polverini e Zingaretti gli hanno mostrato in questi ultimi mesi, Alemanno continua la sua lotta per non far arrivare il pedaggio sul GRA di Roma. Castelli non ci sta però, e risponde anche lui a tono.

[poll id=”81″]

La legge c’è già e i pedaggi sono previsti, credo che verranno applicati a meno che non cambino la legge ma l’Italia è un paese strano”, ma quando l’unione fa la forza arrivano in soccorso di Alemanno, Renata Polverini (presidente della regione Lazio), la quale dichiara “La Regione Lazio proseguirà il proprio impegno per evitare l’ingiusta imposizione dei pedaggi sul Gra e sulla Roma Fiumicino.”

Mentre Nicola Zingaretti (presidente della Provincia di Roma) rincara la dose, puntando il dito sulla Lega e sul governo Berlusconi-Bossi “Il moribondo Governo Bossi- Berlusconi continua a voler imporre il pedaggio sul Gra (Grande raccordo anulare di Roma, ndr). Ci sorprende che il Pdl continui a governare insieme con una Lega che ha come unico obiettivo quello di umiliare e tassare i cittadini di Roma e provincia”.

Insomma, come andrà a finire? Lo sapremo solamente nei prossimi mesi.

Commenti (1)

  1. ma al nord tangenziale ovest ed est Milano si pagano ,tangenziale di Torino si paga ,al sud non si paga una beata minchia Alemanno ma va affan bicchiere.

Lascia un commento