Lodo Alfano, slitta la decisione

di Angela Gennaro 1

 Come scrive il Corriere, Lodo Alfano, fumata nera. E’ slittata la decisione della Consulta. La seduta è stata aggiornata a domani, anche se c’è chi dice che potrebbe slittare di giorni. La procura di Milano non ammessa come parte in giudizio, mentre i legali del premier, tra l’altro, spiegano a difesa del lodo:

Non è immunità. Legge uguale per tutti, ma non sempre sua applicazione. Berlusconi è primus super pares

Oggi Alessandro Gilioli scrive sul suo blog:

Per difendere il Lodo Alfano, l’avvocato Pecorella ha detto che «la nuova legge elettorale ha sostanzialmente modificato l’identità costituzionale del premier».

A me risulta che per cambiare una «identità costituzionale» serva appunto una legge costituzionale. Quella elettorale invece era una legge ordinaria.

Sempre secondo Pecorella, oggi il premier «ha una investitura diretta dalla sovranità popolare».

E pensare che invece la Costituzione diceva che il premier è scelto liberamente dal Parlamento, da deputati e senatori, e non con un’investitura diretta degli elettori.

Evidentemente ci hanno cambiato la Costituzione di notte, mentre dormivamo.

Commenti (1)

  1. Il lodo Alfano all’esame sulla sua costituzionalità,vediamo come si pronuncerà la corte ma soprattutto cerchiamo di capire il x’ c’era bisogno di questa legge:
    http://www.loccidentale.it/articolo/se+la+corte+dice+s%C3%AC+al+lodo+alfano+l%27italia+potrebbe+diventare+finalmente+un+paese+normale.0079173

Lascia un commento