Germania, addio al nucleare entro il 2022

di Michele Laganà Commenta

Foto: Ap/LaPresse

La Germania dice definitivamente NO! Al nucleare. La decisione è stata data ieri a Angela Merkel, la quale ha confermato che l’ultimo reattore presente in Germania, ora ne sono presenti circa 17, verrà spento nel 2022. Il primo ministro Norbert Roettgen ha dichiarato: “e’ una decisione irreversibile”. Dei 17 reattori nucleari presenti in Germani, e solamente 8 sono collegati alla rete elettrica e coprono il 22% del fabbisogno della nazione.

La dismissione dei 17 impianti, comporta un costo di 40 miliardi di euro. Entro 11 anni, la Germania dovrà trovare un’alternativa per coprire l’assenza del nucleare. Sicuramente saranno prese in considerazione le prime energie rinnovabili. La Germania, dopo l’incidente di Fukushima, ha subito detto di voler fermare il nucleare e quella di ieri, è stata la conferma definitiva.

La Merkel ha dichiarato: “La Germania può diventare il pioniere del cambiamento verso le rinnovabbili”.Tra il 2002, e il 2030, le energie rinnovabili andranno a coprire circa il 70 e l’80% del fabbisogno nazionale. Dopo il 2022, verrà comunque mantenuto una sola centrale nucleare, per evitare possibili black out.

Anche la Svizzera ha comunque annunciato che lascerà definitivamente il nucleare entro il 2034, mentre da noi, in Italia, è attesa per domani la decisione della corse suprema riguardo il Decreto Omnibus. In molti stanno invocando il referendum, per mostrare prontamente il proprio NO contro l’arrivo del nucleare in Italia.

Lascia un commento