Obama annuncia l’accordo per eliminare il debito USA

di Michele Laganà Commenta

Foto: Ap/LaPresse

Dopo una domenica di spasmodica attesa, alle ore 20:40 a Washington (le 2.40 del mattino qui in Italia), il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha dato alla nazione la notizie che ormai l’accordo di era raggiunto. “Mancano ancora delle importanti votazioni al Congresso, ma voglio annunciare che i leader dei due partiti, nelle due Camere, hanno raggiunto un accordo che ridurrà il deficit ed eviterà il default, un default che avrebbe avuto un effetto devastante sulla nostra economia. Comincia a diradarsi l’incertezza che pesava sulla nostra economia”, così ha annunciata Obama.

Il capo dei democratici al Senato, Harry Reid, ha dichiarato che questo è uno “storico compromesso bipartisan che mette fine a uno stallo pericoloso”, mentre il repubblicano John Boehner, ha dichiarato: “Non c’è nulla in questo accordo che contraddica i nostri principi. Abbiamo ottenuto che non ci siano nuove tasse”.

All’apertura delle borse, questa mattina, subito molti indici in salita. La risposta è stata positiva a livello mondiale, anche Milano ha visto molti indici recuperare molti dei punti persi nei giorni scorsi. Il primo passo per attuare questa riforma, è quello di aumentare il tetto del debito pubblico. Non ci sarà nessuna interruzione di stipendi, pensioni, cedole sui titoli di stato, come invece si pensava nel primo pomeriggio di ieri.

L’aumento del tetto del debito pubblico, prevende una prima tranche di aumento, pari a 900 miliardi di dollari, che dovrà scattare subito, accompagnata da tagli di spese pubbliche, pari invece a 917miliardi. La seconda tranche, prevede l’aumento del 1.100 e i 1.500 miliardi, con annessi tagli di spesa pubblica.

Lascia un commento