I prezzi del gas in Europa oltre i 4.000 dollari per 1.000 metri cubi: la risposta della politica

di Daniele Pace Commenta

Tutto quello che dobbiamo sapere a proposito dei prezzi del gas in Europa

Spread the love

Continua a tenere banco in Europa la questione relativa ai prezzi del gas. Come stanno le cose a settembre, in relazione alla crisi in corso tra Russia ed Ucraina? I prezzi del gas naturale in Europa potrebbero superare i 4.000 dollari per mille metri cubi nella prossima stagione autunnale e invernale, secondo il CEO di Gazprom Alexey Miller mercoledì.

prezzi del gas

Il punto della situazione sui prezzi del gas in Europa

‘I prezzi del gas naturale vengono scambiati regolarmente al di sopra della fascia di $ 3.000 per mille metri cubi. Al culmine del periodo autunnale e invernale (in Europa), i prezzi del gas naturale possono superare i 4.000 dollari per mille metri cubi’, ha affermato.

Miller ha dichiarato che c’è un “raduno” dei prezzi del gas naturale in Europa, osservando che la maggiore concorrenza dei mercati asiatici per le forniture di GNL insieme agli effetti stagionali hanno esercitato pressioni sui prezzi.

L’Europa sta affrontando una crisi energetica in vista del prossimo inverno con prezzi elevati del gas. Ciò ha spinto molti paesi europei a escogitare piani per svezzare le forniture russe attraverso misure di risparmio energetico in preparazione a potenziali interruzioni delle importazioni di gas russe, in mezzo alle crescenti tensioni con il Cremlino per la sua guerra in Ucraina.

Di conseguenza, l’UE mira a ridurre di due terzi le importazioni di gas naturale entro la fine dell’anno. Il blocco, nell’ambito del suo piano energetico di emergenza, ha anche concordato a luglio di ridurre il consumo di gas del 15% per alleviare il rischio di riduzioni o interruzione completa delle forniture tramite il Nord Stream 1 dalla Russia all’Europa.

Dall’inizio della guerra in Ucraina il 24 febbraio, l’UE ha inflitto sei serie di sanzioni contro la Russia. Il capo di Gazprom ha anche suggerito che le ragioni dei cambiamenti significativi nei mercati del gas naturale “sono le decisioni sbagliate e le politiche sanzionatorie dei regolatori occidentali”.

In una dichiarazione rilasciata da Gazprom, Miller ha affermato che la produzione di gas naturale di Gazprom ha raggiunto 288,1 miliardi di metri cubi (bcm) a partire da quest’anno, di cui 154,7 miliardi di metri cubi sono stati forniti al mercato interno, mentre 82,2 miliardi di metri cubi sono stati spediti nei paesi al di fuori del Commonwealth di Stati indipendenti.

“Nonostante il calo delle esportazioni verso i mercati esteri, i nostri calcoli prevedono che i risultati finanziari di Gazprom saranno significativamente più alti per i nostri ricavi del 2022 rispetto al 2021”, ha affermato.

Secondo Miller, le spedizioni di gas naturale dalla Russia alla Cina sono aumentate del 60% nei primi otto mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Come evolveranno i prezzi del gas?