Elezioni amministrative, seggi aperti fino alle 15. Affluenza in calo

di Michele Laganà Commenta

Foto: Ap/LaPresse

Seconda giornata di elezioni amministrative, quella che si è aperta oggi alle ore 7.00 nelle principali città coinvolte in questo cambio di amministrazione comunale. I seggi rimarranno aperti fino alle ore 15:00 di oggi, dopo tale orario inizierà lo spoglio delle schede, che come ogni elezione, durerà fino a tarda notte. Al voto sono chiamati circa 1200 comuni, per un totale di 10.145.486 persone: 5.274.183 le donne, 4.871.303 gli uomini.

Alle 22 di ieri sera, l’affluenza alle urne era in netta diminuzione rispetto alla scorsa ondata di elezioni. Per le comunali, l’affluenza alle urne è stata di circa 51,90%, contro un 53,89% della scorsa edizione. Non sono da meno le elezioni Provinciali, che alle 22 di ieri sera, segnavano un 40,69%, contro il 43,52% della scorsa edizione, un calo pari -2,83%.

L’unico segno più, viene segnalato a Milano dove l’affluenza alle urne è aumentata. Rispetto a cinque anni fa, quando si conto solamente un 53,15% di affluenza alle urne, quella di ieri è stata del 53,76%. A Torino stessa cosa, rispetto a 5 anni fa, questa volta l’affluenza alle urne ha segnato un +2,34%, per un totale del 50,95% di affluenza alle urne.

Ricordiamo che alle provinciali si vota con la scheda Gialla, per l’elezione del Presidente e Consiglio Provinciale, sono chiamate al voto: Vercelli, Mantova, Pavia, Treviso, Ravenna, Lucca, Macerata, Campobasso e Reggio Calabria, Gorizia e Trieste.

Mentre sono ben 30 i capoluoghi di provincia chiamati alle urne. Oltre a Milano, Torino, Bologna e Napoli, segnaliamo anche: Trieste, Pordenone, Cagliari, Carbonia, Iglesias, Olbia, Villacidro, Novara, Varese, Rovigo, Savona, Ravenna, Rimini, Arezzo, Grosseto, Siena, Fermo, Latina, Benevento, Caserta, Salerno, Barletta, Catanzaro, Cosenza, Crotone e Reggio Calabria.

Lascia un commento