Il Capitano della Sea Watch arrestata: Salvini soddisfatto

di Daniele Pace Commenta

sea watchIl Capitano della Sea Watch Carola Rakete è stata arrestata e posta ai domiciliari, dopo aver nuovamente forzato il blocco navale e aver rischiato la collisione con una motovedetta della Guardia di Finanza. L’accusa è di resistenza o violenza nei confronti di una nave da guerra, per la quale si rischiano da tre a dieci anni.

Le reazioni

Naturalmente soddisfatto il ministro degli Interni, Matteo Salvini:

“Io spero che lunedì i giudici di Agrigento confermino l’arresto della comandante della Sea-Watch che questa notte ha fatto un atto di guerra contro il nostro Paese, a se così non sarà abbiamo già pronto un decreto di espulsione”.

Il Viminale sta considerando un provvedimento diretto per Carola Rackete, in modo che non possa entrare nel nostro paese per cinque anni, in base alla legge sui cittadini comunitari pericolosi.

Il ministro Salvini lancia così un monito anche per le altre navi, come la tedesca Alan Kurdi e la spagnola Open Arms:

“Non si avvicinino all’Italia se no anche per loro ci sarà lo stesso trattamento”.

Tornando al Capitano della Sea Watch, Carola Rackete ha ammesso l’errore in manovra, che ha costretto la motovedetta della Guardia di Finanza ha lasciare il molo in fretta e furia. È stata portata in caserma e trattenuta fino alle 9 del mattino.