Capaci, 16 anni dopo. Per mantenere viva la memoria

di IsayStaff 1

“Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola”
Giovanni Falcone


Non è consentito ridurre il livello di attenzione. Queste le parole del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a sedici anni dalla strage di Capaci. Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Di Cillo perdevano la vita uccisi dalla mafia. Mantenere viva la memoria dicevamo. Proviamoci.


L’anno è il 1989. Nel clima di restaurazione che si respirava al Palazzo di Giustizia di Palermo all’epoca, Giovanni Falcone era un uomo solo. Le insinuazioni del Corvo – l’anonimo estensore di lettere avvelenate sul giudice e i suoi metodi investigativi che circolavano nelle stanze del palazzo – sono all’ordine del giorno.


Il 20 giugno di quell’anno, tre anni prima di morire, Falcone si diede appuntamento presso il suo villino al mare con due colleghi svizzeri, venuti a trovarlo in Sicilia per un indagine sul riciclaggio internazionale di denaro sporco. Quella mattina un uomo della scorta del giudice, forse per un eccesso di zelo, operò un’ulteriore bonifica della zona antistante al villino trovando tra i massi un carico di esplosivo al plastico.


Commenti (1)

  1. siete retrò!!!!!!!!!!!!!
    oggi l’eroe è mangano!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento