Berlusconi: “Fiat non interessata a incentivi”

di IsayStaff Commenta

Incentivi Fiat.Stavamo esaminando” l’erogazione di incentivi al settore automobilistico, però “pare che il principale produttore non sia interessato ad averlo”; comunque “è ancora un capitolo aperto, stiamo discutendo con altri protagonisti del settore auto e vediamo come si metteranno le cose, noi siamo sempre aperti e pronti a dare una mano ai settori che ne hanno bisogno”. Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi a conclusione del Consiglio dei ministri. Le imprese devono avere “un più intenso senso di responsabilità sociale” dal momento che “ora come non mai l’aspetto occupazionale assume alta rilevanza sociale”. L’ha detto, alla presentazione del rapporto sulla sussidiarietà del 2009, il presidente del Senato, Renato Schifani, che sottolinea:

Bisogna avere il coraggio di dire basta ad elargizioni statali se non vengono salvaguardati i posti di lavoro e i presidi industriali. Il patrimonio industriale e produttivo della Fiat di Termini Imerese deve essere salvato, non dobbiamo e non possiamo disattendere questo impegno morale.

Occorre fermare la logica degli incentivi se non è seguita da una attenta e forte politica delle imprese che esalti e tuteli l’occupazione. Gli aiuti dello Stato vanno erogati solo se le aziende rispettano questo preciso dovere etico.

Lascia un commento