Campagna elettorale, tante spese e poca documentazione

di Alba D'Alberto Commenta

I dati riportati da OpenPolis riguardano la campagna elettorale, le spese sostenute dai partiti e quello che i partiti stessi hanno fatto e pagato.

Nonostante l’obbligo di legge, ben 295 parlamentari (il 31% del totale) non hanno presentato la dichiarazione dei movimenti economici relativi alla campagna elettorale, o in qualche caso l’hanno aggiunta a posteriori, magari a distanza di un tempo considerevole rispetto ai tre mesi dall’elezione di cui parla la legge (n. 515/1993).

Inoltre il 41% dei parlamentari è stato eletto senza aver avuto bisogno di stampare volantini o manifesti, organizzare una cena elettorale, acquistare spazi su internet, fare qualche telefonata. Più che parsimoniosi, efficaci con nulla. Possibile? A guardare i rendiconti economici per la campagna elettorale del 2013, molti non hanno speso un centesimo in attività di propaganda.Ben 266 degli eletti alla camera e al senato hanno dichiarato di non aver avuto spese né contributi di nessun tipo, nemmeno sotto forma di servizi. E sono riusciti a farsi eleggere lo stesso. Possibile? E a maggior ragione chi dice di non aver speso un centesimo in attività di propaganda, possibile che non abbiano usufruito nemmeno di materiali e mezzi messi a disposizione dal partito?

Prendendo in esame le dichiarazioni così come sono state originariamente presentate (dunque senza integrazioni a posteriori), le entrate a favore dei candidati sono state in totale 4.417.391,23 euro. Di questi solo una minima parte, appena il 6,49%, proviene dai partiti o dai movimenti politici di appartenenza. Un altro 21,34% è stato sborsato direttamente dai candidati, mentre la parte più consistente, il 72,17% è costituita da contributi ricevuti da privati. Ad avere le cifre più altre tra le entrate “da terzi” (cioè da soggetti diversi dal candidato stesso e dal partito) sono il sen. Ugo Sposetti (Pd), che a questa voce registra contributi per 222.610,91 euro, l’allora candidato premier Enrico Letta, Pd, ( con 116.212,05 euro) e l’on. Salvatore Matarrese, Scpi, (che da terzi ha ricevuto 79.500,00 euro).