Pacchetto sicurezza e unioni civili negli ultimi post di Giorgia Meloni

di Alba D'Alberto Commenta

La leader di Fratelli d’Italia è sulle prime pagine dei giornali dopo che ha annunciato la sua gravidanza ma lo ha fatto al family day, lei che non è nemmeno sposata, come hanno osservato i critici. Eppure sul suo blog non si ha traccia del rammarico per gli sfottò ma si parla di unioni civili e immigrazione.

Gli ultimi post della Meloni sono dedicati alle unioni civili e al pacchetto sicurezza e immigrazione. Quest’ultimo argomento è il più fresco. Scrive l’onorevole:

Ci sono alcuni principi semplici nel “pacchetto sicurezza e immigrazione” proposto da Fratelli d’Italia: se vieni condannato devi scontare tutta la pena; se entri in territorio italiano da immigrato clandestino vai in carcere; se ti ho dato la cittadinanza e delinqui, ti revoco la cittadinanza; se vuoi essere un nomade, non puoi essere stanziale e non puoi rimanere per decenni nei campi; se vuoi pregare in Italia devi farlo in italiano, qualsiasi sia il Dio che preghi. Vogliamo garantire sicurezza ai cittadini italiani e lo facciamo con alcune norme semplici, contro governi che hanno finito per fare norme più vicine ai delinquenti che alle vittime.

Scarica il testo del pacchetto sicurezza immigrazione di FdI.

Mentre sulla sua opposizione alle unioni civili e al ddl Cirinnà aveva scritto:

Sì alla modifica del codice civile per il riconoscimento dei diritti individuali, no al ddl Cirinnà che mira a legalizzare in Italia la pratica dell’utero e in affitto e le adozioni gay. Tra il desiderio legittimo di genitorialità di un omosessuale e il diritto di un bambino ad avere un padre e una madre, Fratelli d’Italia non ha dubbi da quale parte stare. La famiglia è sacra e lo ribadiremo sabato 30 gennaio al Family day. Ci vediamo a Roma.