World Press – Rassegna Stampa Internazionale del 24 giugno 2008

di Paolo Riva Commenta

Ore 01:19. Sono i vari piccoli eventi nazionali, di cronaca o di politica, che raccolgono l’attenzione dei vari quotidiani che ogni giorno andiamo ad analizzare. Nel caso in cui non siano le news nazionali a dominare i quotidiani sono le notizie internazionali di nicchia a farla da padrone. Vediamo ora in dettaglio come i vari paesi si apprestano a vivere questa giornata.


Italia: Sanità e Pil sono gli argomenti che dominano le prime pagine italiane. Ritorna la clinica Santa Rita di Milano con i risultati del riesame sui decessi “anomali” che avvenivano all’interno dell’istituto, come riporta il Corriere della Sera:

“Il Riesame sui decessi al Santa Rita «Interventi inutili, non mortali»”

Comunque il primario rimane in carcere per lesioni e truffa ai danni del SSN. Anche il Pil come premesso è uno degli argomenti di cui trattano i quotidiani italiani. La posizione dell’Italia è da vergognarsi con un terzultimo posto, superando solo Grecia e Portogallo. Come riporta La Repubblica:

“Pil pro capite, Italia terzultima Si allarga la forbice con la Spagna”

Il divario dagli iberici aumenta da 2 a 6 punti.

USA: Oltre all’addio ufficiale di Joseph L.Bruno, uno dei repubblicani più noti negli USA nonché leader nello stato di New York, si parla della ringhiera che fa da confine tra Stati Uniti e Messico. La barriera, costruita in fretta e furia, ha una lunghezza di centinaia di miglia e divide il Messico da Arizona, California, New Mexico e Texas. Secondo i progetti la “cancellata” sarebbe dovuta passare da un parco nazionale, evento che avrebbe fatto smobilitare i movimenti ambientalisti, costringendoli a rivolgersi alla Corte Suprema al fine di rallentare e bloccare i lavori. La risposta nel titolo di USA Today:

“High court rules in administration’s favor on border fence” – “La Corte Suprema gioca a favore dell’amministrazione per la cancellata”

Francia: In Francia si parla di integrazione etnica, ma soprattutto religiosa. Su Le Figaro il nuovo presidente del Consiglio di Culto musulmano francese Mohammed Moussaoui, esprime la sua opinione riguardo l’armonia che l’Islam può avere con le altre religioni, ma è su Le Monde che la mia attenzione si rivolge, con gli ultimi aggiornamenti riguardo le presidenziali in Zimbabwe, paese tormentato dal potere del dittatore Robert Mugabe:

“Le retrait de Tsvangirai est un appel à la communauté internationale.” – “Il ritiro di Tsavangirai è un appello alla comunità internazionale.”

Morgan Tsavangirai era l’oppositore alle presidenziali dello Zimbabwe contro Robert Mugabe, ma si è ritirato domenica dalla corsa presidenziale. Da parte dell’opinione internazionale, pare che abbia abbandonato a causa alla violenza del regime di Mugabe. La situazione in questo momento sta diventando ingestibie nel paese africano e questo nuovo avvenimento potrebbe aprire l’intervento di comunità internazionale e del Sudafrica, unico paese nelle vicinanze in grado di “dominare” Mugabe.

Gran Bretagna: C’è paura di attentato. Questa volta però non sono gli aerei di linea, come afferma i Daily Telegraph, quanto invece i piccoli jet privati, che potrebbero trasformarsi in piccoli proiettili. Un po’come accadde, seppur per circostanze diverse in quello scontro tra l’aereo di Gino Fasulo e il Pirellone alcuni anni fa. Tutto questo mentre anche la Gran Bretagna analizza la situazione nello Zimbabwe, ma a differenza dei francesi esiste già una posizione ufficiale, come riporta il The Times:

“Paddy Ashdown: Military intervention in Zimbabwe ‘would be justified’” – “Paddy Ashdown: L’intervento militare nello Zimbabwe sarebbe giustificato.”

Germania: In Germania, in attesa del “derby” all’Europeo Germania – Turchia, si parla di fatti di cronaca interna con un commento riguardo un assalto da parte di due ragazzi nei confronti di un anziano di 76 anni, scattato da una telecamera di servizio. Immagini che hanno scioccato la Germania.

Spagna: Su El Mundo si riportano le “capacità percettive” di Luis Aragones, allenatore spagnolo, che dopo aver battuto l’Italia mostra al quotidiano un bigliettino in cui segnala il suo pronostico. Il risultato secondo le sue previsioni doveva essere di 2 a 1. Sbagliato il punteggio, ma di certo obiettivo raggiunto e Spagna in Semifinale contro la Russia. Su El Pais invece viene riportato un interessante spunto del presidente francese Nicolas Sarkozy, che afferma come:

“Sarkozy: “Francia nunca dejará solo a Israel frente a la amenaza de Irán”” – “Sarkozy: La Francia non lascerà solo Israele contro la minaccia dell’Iran”

Una promessa di aiuto nei confronti di Israele, ma anche un appello generale nei confronti dei vari alleati sparsi per il mondo.

Cina: Su China Daily viene riportato come siano state punite 43 persone, tra cui 12 ufficiali, riguardo l’utilizzo inappropriato delle risorse giunte a favore dei terremotati.

Lascia un commento