Vaticano e Omosessualità. Il problema è altrove

di Michele Baratelli Commenta

 Altro capitolo della questione Vaticano e omosessualità. Il motivo è sempre la mozione che la Francia ha presentato alle Nazioni Unite contro il perseguimento penale dell’omosessualità in vigore in diversi Paesi del mondo. Riguardo a questo caldo tema abbiamo già detto la nostra; il “problema”, però, è da ricercare altrove. Facciamo un esempio: qualche Lunedì fa su RaiDue, Vladimir Luxuria ha vinto l’Isola dei Famosi, sdoganando l’omosessualità anche a chi non si era mai accorto di avere un parlamentare omosessuale nella legislatura precedente. Il Lunedì successivo alla fine definitiva dell’Isola dei Famosi, RaiDue ha proposto il film “Brokeback Mountain” che, nonostante sia stato mandato in onda in seconda serata, era in versione censurata (privo cioè della scena di sesso tra i due protagonisti uomini). Nel frattempo Vladimir Luxuria, dopo la vittoria allo show televisivo, proclama il suo orgoglio di essere omosessuale mentre la Ventura ringrazia per “la bella lezione“. È proprio questo il nocciolo della vicenda: sarà tutto finito il giorno in nessuno dovrà sentirsi diverso e orgoglioso di esserlo. Che Francia e Vaticano facciano quel che vogliono, siamo noi a dover cambiare atteggiamento.

Lascia un commento