Report, alla scoperta del bilancio dello Stato

di Angela Gennaro 5

Il bilancio dello stato, questo sconosciuto. Stasera con Report, il programma di Milena Gabanelli in onda alle 21,30 su Rai Tre, andremo alla scoperta dei “segreti del bilancio statale, della sua compilazione, delle sue dinamiche. L’inchiesta fa il punto con l’ausilio e il coinvolgimento dei diretti interessati. Il “viaggio” è firmato da Giovanna Boursier.

Si parte, ad esempio, da Equitalia, Spa con capitale pubblico, 51% Agenzia delle Entrate e 49% Inps, che fa riscossione di crediti per vari enti, per esempio i Comuni, e riscuote anche i debiti fiscali, cioè tasse o multe che i cittadini non hanno pagato. Report ci spiegherà quanto si paga in più, cosa comporta una dimenticanza, o una non avvenuta notifica. Con una serie di sorprese anche inquietanti: ad esempio la domanda è possibile che una mancata riscossione di un canone rai comporti un’ipoteca sulla casa senza che l’interessato lo sappia? Non solo è possibile, ma accade sovente – scopriremo. Cos’ come spesso accade che le aziende che lavorano con gli enti pubblici non vengano pagate nei tempi stabiliti. E che incappino in fermi amministrative o ipoteche perché pagano in ritardo le imposte. Un circolo insalubre” e viziato, insomma. In un sistema della riscossione complicato tanto quanto complicato è il bilancio dello Stato e il suo meccanismo.

Andremo alla scoperta della Finanziaria, di cui tanto sentiamo parlare, ma che mai capiamo realmente fino in fondo. La legge finanziaria, ci dice Report, esiste dal 1978 e dovrebbe essere la manovra annuale che serve al Governo per riequilibrare i conti, visto che siamo strozzati dal debito pubblico. La finanziaria dunque dovrebbe correggere i bilanci con nuove necessità di spesa, tagli e nuove norme. Solo che normalmente, da settembre a dicembre, i mesi in cui viene discussa nelle Commissioni Bilancio del Parlamento, si riempie di commi e alla fine diventa un maxiemendamento, di solito approvato sotto Natale con un voto di fiducia. Questo lo sappiamo bene.

Ogni anno si fanno tagli a Sanità o Istruzione ma alla fine la manovra finanziaria, nonostante la crisi, con alcuni è sempre generosa, e così ogni anno vengono concessi, in modo bipartisan, i finanziamenti per il Belice o quelli per i cosiddetti enti inutili. Anche i fondi della “Legge Mancia” dal 2005 sono diventati una consuetudine: vengono discussi all’interno delle Commissioni Bilancio delle due Camere dove i parlamentari si spartiscono le quote per i loro territori. Alla fine ce ne è un po’ per tutti: 120mila euro alla congregazione Ave Grazia Plena di Afragola, 66.500 per fare un marciapiede ad Arsiè, 50.000 per salvaguardare il parco e la Via Appia, e via con una lunga lista.

Di fronte a questi labirinti di norme e di soldi, si prova da un po’ ad ipotizzare un nuovo modello di “autofinanziamento”. Come quello di Difesa Spa.

Commenti (5)

  1. Buongiorno,
    Non avendo potuto vedere il programma : Il bilancio dello Stato, domenica scorsa, mi piacerebbe vederlo come documentazione; ma non riesco ad afferrarlo via internet.
    ‘e stato registrato o lo sarà prossimamente?
    moltissime grazie e saluti a tutto l’équipe.
    antonio

  2. Ciao Antonio, la puntata integrale è visibile a questo link: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-a5ee456b-daf7-4eb4-b67f-0a6071913dc9.html?p=0

    Spero che il link ti sia d’aiuto. A presto!

  3. @ Angela Gennaro:
    Mille grazie per questo articolo; molto interessante! I cittadini dovrebbero aprire un po’ di più gli occhi…
    ancora tante grazie,
    Antonio

  4. Grazie a te, Antonio, e grazie ai giornalisti che ancora fanno il loro lavoro. Tutto è perfezionabile, ma bisognerebbe andare un po’ di più alla scoperta della comprensione delle cose, in questo paese. A presto!

Lascia un commento