Mentre Berlusconi resta, tranquilli. Comunque vada

di Angela Gennaro 1

Storie diverse, e che non hanno nulla a che vedere, ma la battuta, nel titolo, viene spontanea.

Ho ancora fiducia nell’esistenza di magistrati seri che pronunciano sentenze serie, basate sui fatti. Se ci fosse una condanna in processi come questi, saremmo di fronte a un tale sovvertimento della verità che a maggior ragione sentirei il dovere di resistere al mio posto per difendere la democrazia e lo stato di diritto

Quindi, comunque vada, il premier Silvio Berlusconi resta: l’ipotesi dimissioni non viene considerata. Neppure se lo dovessero condannare in uno dei processi in corso a suo carico.

Viene una considerazione anche troppo ingenua: le istituzioni possono sbagliare, i magistrati possono sbagliare, ma in caso di errore è previsto non tenere conto della pronuncia e delle sue implicazioni politiche e morali?

Ai posteri l’ardua sentenza. O ai contemporanei nei commenti.

Commenti (1)

  1. In verità, in caso di condanna Berlusconi non potrebbe restare né tentare di farsi rieleggere: la pena accessoria di interdizione dai pubblici uffici lo farebbe decadere automaticamente, e se rimanesse in carica si avrebbe un attentato alla Costituzione.

Lascia un commento