Annozero e Mister B.

di Redazione 2

Mister B. ad Annozero. O meglio: “dedicato a Mister B.” – e leggi, naturalmente, Silvio Berlusconi. Nella puntata di Annozero di oggi, giovedì 3 dicembre 2009, il programma di Michele Santoro si dedica alle sentenze di primo e secondo grado che hanno condannato l’avvocato David Mills a 4 anni e mezzo per corruzione.

In attesa della Cassazione su Mills, Annozero analizza l’eventualità di quello che chiama “fumus persecutionis” nei confronti del premier. Un complotto. La posizione del Cavaliere, stralciata per effetto del lodo Alfano, ora si riapre, dopo che il lodo in questione è stato dichiarato incostituzionale. Gli ospiti di questa puntata di Annozero sono: l’onorevole del PdL Niccolò Ghedini, legale di Berlusconi, i giornalisti Maurizio Belpietro, direttore di Libero, e Peter Gomez de Il Fatto Quotidiano, l’imprenditore franco-tunisino Tarak Ben Ammar e Umberto Ambrosoli, terzo figlio di Giorgio, l’avvocato liquidatore della Banca Privata italiana, ucciso a Milano – nella notte fra l’11 e il 12 luglio 1979 – da un sicario ingaggiato dal banchiere siciliano Michele Sindona.

Commenti (2)

  1. Ancora una volta e’ apparso evidente come il circolo chiuso di denaro gestito da Mills non e’ stato mai in dieci anni e piu’ di inchieste ricondotto a Berlusconi.
    Alla fine questa pedissequa e attenta magistratura come dice lo stesso Gomez ha portato abanti un processo dove i soldi ci sono ma manca di fatto la prova che quelle transizioni di denaro fossero fatte materialmente dalla Fininvest o da Berlusconi.
    Complimenti a tutti questi giudici che su 80 testimoni ne scelgono 1 fossero stati almeno 10 la scusa della prescrizione sarebbe stata legittima, ma cosi noi continuiamo a pagare il loro inutile lavoro.

  2. Ma quanto siete squallidi: nella precedente campagna elettorale avete rubato il dominio del PD, qui rubate il nome di un sito altrui!
    Anche ladri di idee…

Lascia un commento