Senato: fiducia a Berlusconi con 162 voti a favore

di Joel 1

Foto: AP/LaPresse

Il primo step, prevedibilmente, è stato superato: il Governo presieduto da Silvio Berlusconi ha ottenuto la fiducia al Senato con 162 si, 135 no e 11 astenuti in merito alla risoluzione di sostegno a firma Gasparri e Quagliariello. Non è certo nell’emiciclo più “anziano” che si gioca la partita decisiva anche perchè in questo caso i numeri, il PdL, non ha mai smesso di averli nonostante la scissione dei dieci senatori in quota a Futuro e Libertà. Gli stralci più significativi degli interventi dei capigruppo al Senato: il primo riprende le parole di Anna Finocchiaro, referente del Partito democratico, che dichiara:

“Oggi comunque vada il voto, si segna una tappa comunque definitiva. Suscita stupore l’eclissi di un sole tanto rapida, basti pensare ai numeri della fiducia di settembre, rivelatasi una squisita vittoria di Pirro. Ma per capire questo non basta evocare il tradimento, buono per l’ego ma ci vorrebbe un faticoso esercizio di umiltà”.

La pronta replica di Maurizio Gasparri, capogruppo del PdL:

“Fli ha deciso l’astensione ed è un atto di buona volontà che accogliamo. Ribadiamo che siamo disponibili a rafforzare il governo, come ha detto ieri Berlusconi. Questo governo, non altri. Ma diciamo no alle dimissioni, che sarebbero in contraddizione con questo spirito costruttivo”.

La Sudtiroler volkspartei non ha partecipato al voto di fiducia in Senato.

Commenti (1)

Lascia un commento