Il doppio omicidio di Filippo Limini e Willy Monteiro Duarte diventa un caso politico

di Daniele Pace Commenta

Argomento delicato, che da qualche ora a questa parte dà spunti anche di tipo politico

Sta diventando molto delicato il discorso relativo al doppio omicidio di Filippo Limini e Willy Monteiro Duarte. Si tratta di due ragazzi uccisi brutalmente nel giro di circa tre settimane e che in queste ore ha dato vita ad un parallelismo che per tutta una serie di ragioni non ha davvero motivo di esistere. Polemiche social, con forti connotazioni politiche, generate soprattutto da coloro che ritengono che il caso Limini non sia stato trattato in modo adeguato dai Media. O, quantomeno, non nella stessa misura dei fatti di Colleferro. Eppure le distinzioni ci sono e vengono correttamente menzionate nuovamente da Bufale il 12 settembre.

Filippo Limini

L’evitabile polemica sul duplice omicidio di Filippo Limini e Willy Monteiro Duarte

Per quale motivo sarebbe il caso di evitare queste discussioni su Filippo Limini e Willy Monteiro Duarte? Alcuni utenti, soprattutto sui social, ritengono che le circostanze del duplice omicidio siano praticamente identiche, ma allo stesso tempo la stampa avrebbe deciso di dare più spazio a Willy alla luce delle sue origini capoverdiane. Oltre al fatto che, fino a questo momento, le accuse ricadono su alcuni ragazzi italiani.

In realtà, è sufficiente consultare una fonte come Il Messaggero per rendersi conto che in realtà alcune differenze importanti per i casi di Filippo Limini e Willy Monteiro Duarte ci sono. E questo, premettendo che la morte dell’uno non abbia certo meno valore dell’altro, soprattutto se pensiamo al fatto che entrambe siano frutto di liti per futili motivi. Detto questo, le cronache emerse verso Ferragosto ci dicono che Filippo Limini abbia avuto un ruolo “attivo e volontario” nella colluttazione che si è poi conclusa tragicamente. In quel caso, tra le altre cose, fu fatale il doppio passaggio dell’auto degli assassini sul suo corpo.

Nel caso di Willy Monteiro Duarte, invece, le testimonianze per ora fanno emergere una violenza brutale, nei confronti di un ragazzo che era intervenuto in una discussione solo per calmare le acque. Contesti diversi, dunque, senza tralasciare che i post su Filippo Limini parlino di ragazzi albanesi dietro il suo omicidio. Secondo Bufale, oltre al fatto che la nazionalità dei tre fermati sia diversa, viene ignorato il fatto che tutti siano ormai di nazionalità italiana da anni. Dettagli, questi, che consentono di inquadrare al meglio i due ambiti.