Berlusconi: “Monti smetta con le tasse oppure andiamo al voto”

di Michele Laganà Commenta

E’ stato un Silvio Berlusconi a tutto campo quello che si è visto ieri dopo la cena dei senatori del PDL. Berlusconi ha parlato del Governo Monti e delle pesanti tasse per gli italiani che la manovra economica oggi al voto al senato, andrà ad inserire. Berlusconi ha detto che il PDL deve essere consultato preventivamente su queste nuove tasse “ci deve essere una consultazione preventiva prima dei provvedimenti altrimenti non ci staremo”.

Silvio Berlusconi ha detto chiaramente che se il governo continuerà con queste tasse, sicuramente il PDL porterà la nazione al voto: “se questo governo continua con questa imposizione fiscale. Siamo noi gli arbitri di questa situazione”. Berlusconi ha poi parlato della possibile vicinanza del PDL con l’UDC e soprattutto con Fini, dichiarando, che hanno in previsione un accordo con il partito, vista la vicinanza che hanno gli elettori dell’UDC con quelli del PDL.

Il discorso della Lega è un capitolo particolare per Berlusconi, dopo gli anni di sodalizio che ci sono stati tra i due partiti, subito dopo le dimissioni di Silvio Berlusconi, la Lega si è distaccata dal PDL soprattutto nelle idee e nelle proposte che il PDL ha portato in parlamento. “La Lega sta esercitando un ruolo di opposizione che le è molto congeniale e che può forse portare voti in più”, così risponde Berlusconi hai giornalisti.

Berlusconi è tornato a parlare della legge elettorale attualmente in vigore. Ha confermato che per lui è una legge corretta ed equa ma ha specificato che una piccola modifica dovrebbe averla: “E’ una buona legge – spiega ancora il leader del Pdl – ma deve essere assolutamente cambiata per quanto riguarda il premio di maggioranza in Senato e poi c’e’ grande voglia da parte degli elettori di poter scegliere gli eletti, magari per una quota percentuale”.

 

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento